lunedì 1 novembre 2010

Aghe di plene


Fûr dal Teatri Ristori, Zuan al va cun i coriscj al Longobart; jê, invezite, usgnot no si sint ben. E tache a cjaminà lunc vie dal Patriarcjât, e svolte in Sante Marie di Cort, movintsi jenfri lis ombris dai androns, lis polsis des lûs picjadis su lis cjasis; jù, sul pedrât di Plasentine inumidît des primis fumadis plombinis, denant dal sipari medievâl de gnot e la sagome dal Dom cuintri il jevant scûr de Slavie.
Un fîl si ingrope cul malstâ: al brame Anute a çampe, viers il Natison; là che il timp de storie al sovraste lis aghis che scjassin sot, insom dal salt.
Strente tes spalis, come par esiliâsi dal mont e di une colpe che jê e sint come se a fos sô, Anute e torne cul cjâf a une sere, ai scûrs che a tiravin sù lis navadis de glesie di Bertrando, dilunc la scjalute intorteade sul puartâl - viert come une voglarie che e sghingline di preghieris mai scoltadis, barbotadis in zenoglon, jenfri i colonâts che a trimulin l'aiar des flamutis dai lumins.
Si vise di jessi stade la ultime a vê bandonât il sotpalc dal coro: la çocade de puarte daûr de vilie da la dì dai Sants, lis vôs dai coriscj che a corin vie, e chê di chê frute, une zovine plene di ligrie… Un fiestin… Halloween...
E i laments, i sconzûrs, e i pas che a strissinin i agârs de piere? E lis avertencis in svol su lis alis neris che a bruntulin i prins rivocs lampizants inte plane?
Nissun al viôt. Nissun al à viodût.
Dome il flum; che al sa e al tache a roseâ la corse milenarie che immaghe lis etis de antichitât de tiere, tai forans dai crets, scorsenant la fuarce sui sperons des rivis, preparantsi a invadi i borcs a mont.
Anute, rivade a cjase, a disclave il puarton. Une musicute e daspò il notiziari cun lis previsions meteo e lis peraulis… come une secuence proietade… l'Adriatic che al scjafoie lis fuessis, il burlaç che al monte in sù, il flum… la onde…
Il slambrà di une saete e il scat dal salvevite: une imprecazion e il curidôr al mostre il spieli inceant la muse di chê frutine! Livide, coronade di un alon che al misture imagjinis di fruts, che i zirin ator… - lis mans di Anute a tornin sul organut dal Dom, intant che une bare e passe il puartâl, menant in ca chê zovine coriste, cjatade insom dal salt, sot il bastion dal Timpli Longobart, imberdeade al pês di une violence maladete.
Anute e daspe, par vierzi un armarut, e tire sù il cric, che al torne jù. E torne a provâ: sù… jù… la cjase e tache a vibrâ tai meandris des tubazions, imputridîts di presincis che a vegnin indenant cuintri la empietât dal mont - e di ducj chei che no an viodût ma che forsit a savevin. Che forsit… a san.
Dut a bot, un lusôr sot il porton - come une lame - si slungje tra lis fughis piastreladis e Anute e tache a scjassà sgrisui di gnervôs.
Le mantie si sbasse…
«O Diu! A son lôr, che a tornin!» jê e bacile, aromai stramurtide e cence vôs «Lôr… lis ombris cence pâs che a an simpri sêt…»
La puarte si spalanche, sburtade cuntun ton: «Zuan! Ce fâstu chi?»
Difûr, in borc Brossane, al diluvie.
di Frank Spada
Conte n. 142

22 coments:

Anonymous ha detto...

La puarte si spalanche, sburtade cuntun ton: «Zuan! Ce fâstu chi?»
"Dolcetto o scherzetto?"
BF

Anonymous ha detto...

Tu sês bulo tal scrivi. Par no dì siôr, fecont di peraulis e di spirt. Po dopo al è curiôs il to stîl, les tôs contis, che cuasi simpri e fasin tratignî il flât.
nello malisano

Anonymous ha detto...

Ce pore, Frank!
Dut cas, il tema tratat te conte, cuntune sensibilitat straordenarie, al mostre il dram dolorosissim de nestre "societat" malade in dutis i sens. Tant a disi che la marilenghe e a di la a tor il plui dispess par "sensibilizà" la zoventut furlane, soredut di chei che e amin scrivi ancje par furlan.
Fuarce e compliments!
Marta

Dame mit Fächer ha detto...

E pensâsi che jo o partivi da Udin in tren par rivà fin a Cividât a marinà la scuele par no fami cjatà, da cualchi professôr, a mangjâ pastis lâ di Pancera.
Bisugne lei e tornà a lei, lis contis di Frank Spada. Par disi, jo soi a pene tornade a leimi par talian "Il panno rosso", di ambientazion cividine, achì voltade e publicade juste un an fâ: 36 coments, tal blog talian, cualchidun cal meretarês di jessi voltât par furlan.
Jo, Frank, lu ten di voli - tal sô blog, che ben si intint - e o sai che a fin di Setembar al jere a Cividât a leisi un libri tirât fûr da un mefistofelic baûl furlan. "I muarts" - ultime pagjine - e la seconde part di "Un incuintri", anticipânt ricuarts ca vignaran dal timp ca nol mûr, pensânt a cui che pûr triestin al jere irlandês.

Anonymous ha detto...

Ci vuole tanto amore e tanta passione per decifrare il friulano per chi non lo è, ma il bel racconto di Frank Spada lo meritava, con le sue suggestioni notturne che alludono non solo alle tenebre che avvolgono la realtà, ma a quelle ancora più oscure che si nascondono nell'animo umano. Come sempre, possibilità di leggere a vari livelli, molti riferimenti colti, grande padronanza nel rievocare con pochi tocchi paesaggi e atmosfere. Leila Mascano.

frank spada ha detto...

Prime di là a polsà cun l'antologie Riso nero in man, frescje di stampe... a proposit, o ai savut che ator lu magnin... ustie se lu magnin, tant che par gustalu mior lu bevin come sal fos...! mi par plui che doveros ringracjà la direzion di vé metut in viste un pont tal scuri e une inmagin, ma soredut che femine foreste che a commentat la conte in talian, par vie che... lassin piardi e, par finile in ligrie, o auguri a Contecurte Gnove di... vescul, vie vie, fa puest subite... ma cjale ce tants clients gnufs che rivin, tants che i vecjos a moli il vin e tachin a bevi aghe. Mandi

Anonymous ha detto...

Per fortuna il nubifragio si è fermato a Pordenone e oggi il Messaggero Veneto prevede, seppur tra qualche giorno, il ritorno del sole. Quindi, caro Frank, un "pont scuri" brillerà nel cielo friulano come una stellina beneaugurante.
Marta
ps - o ai ordenat chel Riso nero e no viot l'ore di gustamal.

Carla Casazza ha detto...

Sarebbe possibile avere una traduzione del racconto? Mi piacerebbe leggerlo ma non essendo friulana non ho gli strumenti per capire.
Grazie!

Jaio Furlanâr ha detto...

O ai scuignût tornâ sul puint dal gjaul 4 voltis par tornâ a scomençâ le strade che lave de prime linie ae ûltime e finî par capî chi no vevi nuie di capî plui di ce chi vevi bielzà capît tar cheste conte.
Le mê tirade a é forsit lungje ma se no mi vês capît o volevi dî che par furlan, il Frank al somee plui inteletuâl che par talian ma forsit al é juste parce che al é plui dificil da lei in furlan che in talian. Dutcâs al nus prove che se al ûl al sà scrivi ancje cence Marlowe che lu sburte. O ricjati peró le so maniere topografiche di nomenâ i nons des stradis e dai puescj indulà che al ûl fânus passâ e, par chel che a nol cognos Cividât, se al larès sul puest a lei le conte cjaminant, forsit al colarès cul nâs in te stesse cjase.
Jo mi fidi avonde ma se o passi par Cividât, al mi plasarès viodi se le ponto di sitât (O citât, come chi volês) a jé propit le stesse, le sere dal dí dai muarts.
Teatri Ristori, il Longobart, le vie Patriarcât, Sante marie di Cort, le glêsie di Bertrando, borc Brossane, il dom ,il timpli Longobart, o scuegnarai passâ a Cividât pa viodi se le conte a somee plui curte o plui lungje:-)

Daspó, cence lâ a cjoli dizionaris e coretôrs, o ai le manie di fâ dut par intuizion e cun le vorêle e o mi domandi:
Preghieris o preieris,? Natison o Nadison? Porton o puarton? Svol o svolaç? Alis o svualis? Bacilâ o bassilâ?
Achi o zonti che da cuant che i dizionaris a son deventâts le bibie tai furlanârs fûr dal gno, par fevelâ coret a si scuen doprâ peraulis che prime a no si jerin mai sintudis e achi chê che mi dà plui fastidi in te vorêle a jé le ûltime che mi fâs pensâ al bacillo dal morbil o de varicele parcé che a mi ven di gratâmi ma forsit o bacili masse, joiii, bacilâ! So feveli cussí in cjargne a mi cjapin pal cûl:-)

Anonymous ha detto...

Mi allontano dall'eventualità targata Ud e dintorni di essere investito da improperi e, ringraziando la giornalista Carla Casazza per la sua curiosità, propongo a chi fosse interessato (Done Bete, Nello Malisano, Jaio e perchè no, chiunque altro/a voglia farlo) di tradurre in italiano il racconto Aghe di plene - preciso che l'ho scritto direttamente in friulano aiutandomi con il correttore automatico ed è stato pubblicato dopo la gentile supervisione di Raffaele Serafini.
Quanto al gran parlare attorno a una "lenghe", visto che in Carnia si scrive... a San Daniele... a Udine e ad ovest ... a Cividale... a dove più vi piace ché tanto mi capite, non vorrei saltasse fuori che il Friuli... altro che una piccola Patria unita e affratellata, qui necessitano soloni e dizionari e messa a punto di accenti e diciture, perché le divisioni sono certe e il friulano... lassin piardi và, e non steit vignì fur cun la koinè spiritual o lis sorestaneriis in ombre.
Frank Spada

Contecurte ha detto...

Met pûr la traduzion intun coment, Frank, cussì magari o capìn che no vevin capît ;)

Anonymous ha detto...

Figurinsi se no ves capiit! Dutcas, apene netat chel curidor o proviodarai.
Mandi Contecurtars
Frank - miec di ca e miec di là di un porton... scusait, o volevi dì un puartal, no o volevi... ma ce da l'ostie voleiso :)))

ILfurlanist ha detto...

A mi la conte mi risulte un tic dificil di lei, no cor vie ben. Sigûr Frank al è chel che al à plui dificoltâts e i van fats nome compliments pal tentatîf. Però al è ancjemò avonde di lavorâ.
Frank, atu mai let alc di Puppo, Marchet o Beline? Segont me ti podarès judâ, e no son brutis leturis.

Anonymous ha detto...

Sior/s Furlanist(s), a chest pont lu ringraci pai compliments di (vé tentat?!) jessi stat clar - peraule di forests che a son rivats e coruts vie che... dulà sono laas? - In librerie veh, a cirì contenuts in rispiet de forme par vé in daur un TICket.
Frank Spada e vonde.

Anonymous ha detto...

Soi a vonde d'acaurdi cul furlanist... la conte a no scor dal dut... no je mal, sigur che no, ma ogni tant a si incjastre un tic. Eric 68

Jaio Furlanâr ha detto...

O varês, o speri, capît chi volevi juste pontâ le mê opinion su chestis peraulis par cognossi le vuestre e no par fâ une critiche, o savin ducj che Franck par talian al à un mût scorevulissim di scrivi e forsite a si varès di fevelâ sule maniere di voltâ il talian par furlan tignint cont che a nol à di deventâ plui complicât seben achi, lis peraulis chi zonti, a somein fatis par facilitâ le leture.

frank spada ha detto...

Masse facil, Jaio, aromai si sa che tu ses un Marlowian e che tu sas zontà peraulis par vie che... il polpeton? Cerce il secont e tu viodaras che dopo... ma sì, ma sì, ti ai già prometut che o tacarin a fa un fuc picul picul, facilitant daspò: pi-pò-pi-pò-pi-pò...
Mandi, errant di cjase.

Jaio Furlanâr ha detto...

Al mi displasarès che le discussion a si distudi prime che a rivin i pompîrs ma o scuen lâ distès ator par une disine di dîs. Us cjatarai daspõ dal 17. Mandi

Anonymous ha detto...

Alore, Jaio precipitosament fantastic, sperin che cuanc che tu torni e vedin di bielzà deviat l'aghe di che roe che rive jù de pontebane a campe fin in place prim di mai a Udin - sot i vois da l'agnul sul ciscjel di cheste patrie propite tant picule - par meti in mostre a l'emigrant belgic cal torne il benvignut di une man con i des pontats in alt e la libertat di lassà fa ce che si tente par meti ator la Contecurte cence tantis nainis, simpri cun rispiet o al massim con un tic di ironie rivolte a tignì la coce basse.
Pecjat che a cjase to, dal moment che tu ses vie, l'ambaradan nol lasse comentà une sculture straordenarie - cundut che par cumò e mancje l'aghe. Mandi
Frank

frank spada ha detto...

Jaio, tant par fa 20 cal mi sune di tarond, chi http://blog.robinedizioni.it/il-cannocchiale-a-rovescio-2#c003503
e chi
http://www.riaprireilfuoco.org/blog/?p=380#comments
ti mostri il rendicont. Mandi

Anonymous ha detto...

Frank, ha visto come il furlanist cerca di tenerla sotto standole dietro?
Mi rendo conto che... che piccola patria!
Marta

ILfurlanist ha detto...

Marta, jo no ai mai cirût di tignî sot nissun (e no mi plâs cui che lu fâs, fasin part du une Patrie simpri tignude sot di altris), ma di sburtâ indevant ;-)

O varès alc di dî

Ti sêstu visât di firmâti? :)