mercoledì 8 dicembre 2010

Lenghe Furlane: indi, ‘ndi, ‘nd: ce fâ di lôr?

La particule “indi”, che e pues deventâ ‘ndi o ‘nd: in gjenerâl al è avonde dificil cjatâle te forme interie (indi) e une vore plui facil cjatâle te forme cun elision (‘ndi e plui di dut ‘nd).
Par esempli par cheste frase:
1) di bêçs no indi ai plui
2) di bêçs no ‘ndi ai plui
3) di bêçs no ‘nd ai plui
La 1) e somee scuasi impussibile, la 2) une vore enfatiche, la 3) normâl.
E corispuint plui o mancul ae particule taliane “ne”, ma in pratiche par talian il “ne” al pues cjapâ il puest di cualsisei complement introdusût de preposizion “di” o “da” (specificazion, partitîf, materie, argoment, moviment, agjent...). Par esempli par talian a son justis chestis formis:
1) appena l’ha conosciuto ne è diventato amico
2) di cioccolatini ne sono rimasti pochi
3) l’anello non è placcato d’oro, ma ne è fatto interamente
4) parlano di calcio – sì, ne parlano sempre
5) è entrato nel bar e ne è subito uscito
6) è stato coinvolto nell’esplosione e ne è rimasto ferito
Di ducj chescj esemplis furlans, l’unic testemoneât une vore ben tai dizionaris furlans al è il numar 2), il partitîf. Alore par chei altris si varà di cjatâ altris soluzions. Par esempli
a pene che lu à cognossût al è deventât so amì
l’anel no dome al è placât, ma al è fat dut di aur
a fevelin simpri di balon – sì a fevelin dome di chel
al è jentrât tal bar e al è vignût fûr daurman
al è stât tocjât de esplosion e al è restât ferît
Invezit al è une vore doprât
di bombons a ‘nd è restâts pôcs
(si pues notâ ancje che cun “jessi” in gjenar si dopre il verp tal singolâr, ancje se il verp al è plurâl)

0 coments:

O varès alc di dî

Ti sêstu visât di firmâti? :)