lunedì 31 gennaio 2011

“Se tu mangjis luvins e tu ti voltis indaûr tu viodarâs cualchidun che al mangje lis scussis” (1)

Chel an, Ugo e la sô morose a vevin programât di maridâsi. Al jere plui di vot agns che a morosavin e, a dî la veretât, Rose e veve dutis lis resons di lamentâsi. Ma di cuant che il paron a Nadâl, a la cene de Dite, slargjant i braçs, al veve scugnût dî a ducj i operaris che di ordins no ‘nd jere plui nancje la ombre e che si lave indevant dome cun chel pôc lavôr che al restave, Ugo e la stesse Rose, a malincûr, a vevin rimandât il lôr progjet. Ma par dîle dute, nancje Rose e jere cumbinade tant ben. Te sô fabriche a vevin tacât di une vore di timp - une setemane al mês - cu la casse integrazion.
«Ma par fortune la vite a va indevant instès,» al pensave Ugo: «sin zovins, biei e la salût no nus mancje. E gracie a Diu un cuviert parsore il cjâf lu vin. Le cjase di me pari, e che di sô agne Miute, le vedrane, saran di sigûr nestris».
Rose no la pensave propit come Ugo. Jê, pe lôr situazion e pative pardabon, e za di un piès e varès volût meti sù cjase cun lui e lâ a stâ di bessôi. No veve ducj i tuarts: ducj i dôi a jerin aromai di cualchi an fûr di pupil, ma cul mont che si faseve indenant, cemût podevino meti su famee, pensâ di vê canais?
Ugo e Rose, in chê biele zornade di Fevrâr, cussì frede e tant clare, di Vilalte a levin sù a Sant Denêl a paiâ le ultime rate de machine. «Almancul cheste a je di sigûr une biele robe» si diseve ben planc Rose, pensant, cuntun fregul di displasê, che in chê sere i varès plasût lâ a balâ a Tresesin e, parcè di no, vistude di mascare come l'an passât. Sfidi: al jere l’ultin di Carnevâl! Ma in chel Carnevâl, che bielzà, prime di finî al puçave di Cuaresime, propit no si podeve. Cu la sô casse integrazion e cu la penurie di lavôr in te fabriche di Ugo, bêçs no ‘nd jere.
Mancul mâl che in chê sere, inte vile comunâl, e vignive une companie di fûr. Tal paîs ducj a disevin che i comediants a jerin propit brâfs e, i plui informâts, a contavin che il sogjet dal lôr spetacul teatrâl al jere la storie di chel lontan 1511, l’an di dutis lis disgraciis.
Sì, di chel an, che il dì di joibe grasse la int saborade dai Savorgnans, rabiose pe fan e pe pôre di jessi vendude ai Todescs, a Udin, e veve dât fûc, a ducj i palaçs. E fossial bastât: si conte che propit in chê dì, il popul infuriât, che al rivave di dute la provincie, al leve indenant brusant, strade fasint, ogni robe, ma soredut i cjistiei, come chel di Vilalte, di Braçâ e di Rìves D’Arcjàn.
E finalmentri il spetacul al jere tacât.
La sale de vile dal Comun e jere plene e glotude intun cidinôr complet. Si scoltave dome lis vôs des artistis, dai artiscj e de musiche che e vignive dal palc. Là jù insom tal breâr a comparivin imagjins di grancj cjistiei e di palaçs luminâts dal fûc che al sclopetave tancj colôrs e dut al someave vêr. Ator ator, oms e feminis vistûts di contadins, armâts di forcjis e ristiei, al pareve che a jentrassin propit jenfri i mûrs di chês fuartecis. La musiche e lis vôs dai atôrs a gjavavin il flât. Cun di plui al someave che no brusassin dome lis figuris dai palaçs, ma ancje il breâr cun dut il teatri. Ma instès, ancje se chês imagjinis a metevin pôre, al pareve che la int, incjantade de recite, e vès volût jessi là, in chel massacri; che ognidun al varès volût tirâ il so clap.
E cussì ancje Rose, ma jê, soredut, e provave tante invidie par chê int, che in chê dì di joibe grasse e veve podût brusâ i palaçs e cjistiei; par chê int, che a diference di jê e crodeve di savè cui che al jere colpe des sôs disgraciis. Rose, invezit, e saveve dome che lavôr ‘nd jere pôc, che par cumò no podeve maridâsi, deventâ mari e che pardabon e tornave la miserie.
No saveve di cui che e jere la colpe.
di Nello Malisano 
Conte n. 161


(1) Pag. 67 II° Volume Testo di Tito Maniacco -
Disegni di Ferruccio Montanari - I Senza Storia

8 coments:

triku ha detto...

Brâf Nelo! O pensi che il rapuart e il confront tra il passât e il dì di vuê al sedi un dai filons de ispirazion sul 1511 plui interessants di svilupâ.
Mi plasin chescj protagoniscj - oms e feminis "comuns" come che lu jerin i contadins che a àn fat riviel cinccent agns indaûr - e o speri che la memorie dai lôr vons e la flame di chel spetacul cussì vîf i sedi jentrade dentri e, cuant che al rivarà il moment, e sepi saltâ fûr! ;-)

Carli

Anonymous ha detto...

mandi Nelo, grazie di chiste conte, che met el det su un grant malsta', in te storie e al di' di ue'. al e' une buine robe che si podedi tabaia di chistes robis... e cuisa' mai, magari di une conte cusi' a pos vigni' fur une maniere di pensa' alis robes di ue' che nus dedi une altre maniere di cjala' ai timps che an di vigni'.
O speti di leiti ancjemo' in chestes biles pajines...Mandi, e vedin se chest an si rivara' a fa' un tic di carneval.GianPaolo Peres

Galliano ha detto...

Brâf Nelo, mi plâs la to maniere drete e sclete di contâ i events, ti lei simpri cun plasè. Mandi

Anonymous ha detto...

Brâf Nelo!! veramentri une biele storiute...saveso parcâs qualis sono lis iniziativis de nestre regjon par commemorà le joibe grasse dal 1511??? metaran parcâs in vore qualchi spetacul teatrâl???

Ivan

nelodifeagne_51 ha detto...

us ringracii pai vuestris biei coments e bielis peraulis su la conte. Ma disin gracie a Raffele il gno mestri e ostîr che no si rabie pes çussis che o tiri su cuant che o voi a bevi ta ostarie di contecurte (......).
A Ivan: se fasin cualchi iniziative te nestre regjon par memoreâ che famose joibe grasse no lu sai. Lu savarà sigurementri le redazion di contecure.
Mandi e gracie a ducj

Dame mit Fächer ha detto...

Giovedì grasso, la storia friulana rivive in una “lezione” a Torrate
Messaggero Veneto
30 gennaio 2011 — pagina 17 sezione: Pordenone

CHIONS. A lezione su un importante avvenimento della storia friulana, anche se ancora poco noto, con il circolo Acli “Università della campagna”. L’appuntamento è per venerdì prossimo, alle 19, nella sede del sodalizio, la casa scout di Torrate di Chions. Il tema trattato sarà “La crudel zoibe grasse: memoria e diritti di una rivolta”. Interverranno Lorenzo Fabbro e Carlo Puppo dell’Associazione 1511, con una lezione accompagnata dalla proiezione del fumetto realizzato dallo storico-fumettista Luigino Peressini.
La discussione ruoterà intorno a una data, quella del 27 febbraio. Nel 1511, il giovedì grasso (la “joibe grasse” o “zobia grassa”) cadeva proprio in quella giornata, quando prese avvio la più grande rivolta contadina della storia friulana. Organizzati in bande guerrigliere, 500 anni fa i contadini assaltarono castelli e palazzi nobiliari in tutta la Patria del Friuli. «L’insurrezione - ricorda Puppo - fu soffocata nel sangue, ma le comunità friulane presero coscienza della loro forza. Una forza che permise loro di subordinare al rispetto dei propri diritti comunitari l’appoggio militare a Venezia e che, alcuni anni più tardi, fu alla base della nascita della Contadinanza, organo rappresentativo delle comunità rurali senza pari in Europa». Prenotazioni entro mercoledì al 340 8030478, e-mail giorgiozanin17@gmail.com. (a.s.)

gelostellato ha detto...

a chi a varessis di cjatâ alcaltri

http://associazion1511.blogspot.com

ha detto...

Ciao Nelo ..... tu ses propite braf a contà lis stories di feagne.....a mi è plasude tant che di Nibil che io o cognosevi personalmentri ..... spes a mi puartave in cjase e mi meteve su "Bandiera Rossa" e Margherite a mi dave le magnesie..... no mi visi tant parce o vevi 3 o 4 ains.

Però quant che ti viot o ti lei a mi ven su simpri to pari Bepi che nus pasave inbante tranquil e cidin cidin tal curtil par la a cjase tal bearc (la chiase di len) di sabide dopo di misdì .... sul tart .... amancul cusì mi par. Lui al rivave di Cave Del Predil se no mi sbagli e no o ierin duc a lì a giuià....iò, me fradi Giampaolo, Nives, Daniela, Marco Sel... plui indenat cul timp, Mariangela, Paola, Lela, Marisa, Valdi, Annamaria, Luciana, Pasqualino e fracanapa (il cjan) e ogni tant Robertino Forestan .... e di cualche bande o ieris ancje tu, to fradi Adriano e Giovanina e sicur andè ancjemò cualchedun co dismentei.
Continus alc di Bepi ..... io lu hai simpri amirat ma par vie co ieri piciul no hai mai rivat a cognosilu veramentri.
Dai.... ce ditu ?
Stefano

O varès alc di dî

Ti sêstu visât di firmâti? :)