lunedì 21 febbraio 2011

Il piçul Ream


Al è familiâr il sun de sierande di metal de rimesse che e sdrondene sù. Daûr no je la machine: chê e je te rimesse vere, juste in bande.
Cuant che si tire sù la sierande, invezit, si cjate une paradane di len, cuntune puarte come se e fos une stanziute, ma in realtât al è un piçul ream. Sì, il piçul ream di nono Lenart. Un piçul ream di libertât: ca damigjanis, butiliis, scjatis e imprescj a son libars di stâ dulà che a vuelin, lis tacis a son libaris di jessi dome resentadis e no lavadis pardabon, il polvar al è libar di poiâsi cuiet, cence jessi netât daurman di un peçot di none Miriam, che invezit e je regjine sù, tal apartament dut biel net dal secont plan.
Si vierç la puarte e al rive, cordiâl e un tic garp, il salût dal odôr antîc dal piçul ream: un profum misturât di vin neri, spandût un pôc tal stravasâ, di polvar, di paviment di ciment, di umit, di un cinisâr di cjichis Linda. Al è ancje un fîl di odôr di gas des machinis dai vicins, che ogni tant, cun calme, a jentrin o a jessin des lôr rimessis.
Il nono zovin al cjale des fotos in blanc e neri, di cuant che al jere sot militâr. A son ancje fotografiis nestris, dai nevôts piçui che o zuìn cun lui. Par tiere dongje de cjadree dal nono a son la stue a gas e il termosifonut eletric, che cuant che si lu pie al fâs odôr di metal.
Gno pari i dîs al pompîr Fulvio, che nus fâs di muredôr in neri, ce che si à di tignî e ce che si à di butâ: l'apartament di puar nono Lenart al è vendût e si à di lassâ libar pai gnûfs parons.
Ve che al passe siôr Lucio, si ferme, ma nol è plui par bevi il solit tai cul puar nono, al salude cun afiet gno pari, e cui voi lustris i dîs: «E je triste la vite, che mi fâs viodi chestis robis ca».
Passâts vincj agns, o ai i voi lustris ancje jo, usgnot, par chel piçul ream pierdût.

di Spirt Anonim
Conte n. 165

5 coments:

ILfurlanist ha detto...

Spirt anonim nus veve usâts a contis mancul intimistichis, ma al piture ben ancje chês, mi samee. Biele

nelodifeagne_51 ha detto...

Un toc de nestre vite,par dile come ILfurlanist,ben piturade,intime.Mi plâs

Anonymous ha detto...

Spirt, biele le conte che no jé une conte ma che dis di plui, tant che "Cuant che si tire sù la sierande, invezit, si cjate... " - mi permeteiso? si cjate un amì come Raffaele Serafini, che irsere te Biblioteche Comunal di Pradaman... salvadi di un salvadi, lu ringraci tant e con lui la prof. Loretta Fusco!
Mandi Gelo e une bussade a dutis dos.
Frank Spada

gelostellato ha detto...

ma sì, Frank, chi ti permetìn dut... ma no âstu viodût che tal post des gnovis di miercus e jere ancje cheste? ;)

Mandi!

Anonymous ha detto...

Gelo, tu as reson, ma il fat che da un poc in cà o stoi corint daur a la me ombre, che no rivi a brincale...
Mandi furlans di ogni bande
ps - dutcas, se la viodes intor, visaimi subite.
Frank Spada

O varès alc di dî

Ti sêstu visât di firmâti? :)