venerdì 18 febbraio 2011

Viste mâr


Une onde a si disfe sui pas pierdûts tal savalon. Une altre a rive da cuissà dulà, cul orloi uçât dal blu dal mâr.
Daûr di chest, peât a un cjan, un om al çuete daûr di un frut che sô mari a poche sul va e il ven di un tricul tracul.
Daûr di lôr, un carton al clope tal puarti vueit e un barbon al sbore fûr il so braç dal sac che i fâs di coltre fine e po al rime une muse rote dal frêt de gnot che il prin soreli al svuarbe e incee cence un bundí.
Ne nulate e passe e un gjat al clame le sô voie al cîl. Il cjan i baie, l'om al tire ma lui nol tâs e il gjat si taie, il frut al cole, le mari a cride e intun cjanton, il barbon al pisse.

di Jaio Furlanâr
Conte n. 164

3 coments:

nelodifeagne_51 ha detto...

Brâf par dabon. In pocjis riis cheste poesie a conte il disamôr, che muse de vite che tantis voltis a sintin te ne nestre anime. I nestris dolôrs, chei dal mont, e soredut il nestri jessi di bessôi....
Gracie

Dame mit Fächer ha detto...

un cuadri, une poesie e, di sigûr ancje une musiche, parcè Jaio al è artist in ogni espression.

Jaio Furlanâr ha detto...

Graziis Nelo, e graziis Dame, al fâs simpri plasê di viodi che no si é di bessoi su chiste tiare.

O varès alc di dî

Ti sêstu visât di firmâti? :)