lunedì 21 marzo 2011

ACUILE STUDADE


Di zovin al jere un combatent fuart e svelt, come pôcs.
Ogni vuerîr da sô tribù lu varès seguît in cjâf al mont, lui par come che al jere fat, al veve propit la stofe dal capo.
Il so non, di zovin al jere "Acuile che art" e nissun al varès provât a dai cuintri.
Fuart, determinât, atent aes necessitâts dal so popul, al veve sielzût jenfri i miôr oms dal so popul, chei che a scugnivin riferîi di persone ogni esigjence da sô int e ancje la plui piçule discordie.
Un grant capo e condotîr, ma ancje un pari, ben volût, amât e rispietât.
Ogni gnot di lune plene, lui, il grant capo, al rinovave insiemi da sô int une vecje usance che si presentave intune cerimonie cun tancj simbui e significâts viers i vecjos che a si pierdevin ta gnot dai timps passâts.
La cerimonie si tignive sul piçul mont dongje dal incjampament, di cuant che al leve vie il soreli, fintremai che al cricave il dì.
Dut, ogni volte, a si presentave come la rapresentazion da prime volte che a si jerin cjatâts une zovine squaw e un zovin vuerîr: chei doi che a vevin dât il vie ae gnove tribù dai Cheerokee.
Ancjemò vuê, a si conte, tal cors da cerimonie, che cualchidun dai soi al rivàs a viodi la muse di chei doi biei zovins, tal moment che a si jerin viodûts pe prime volte.
Cumò però il vecjo capo si sintive di vê masse agns, al voleve stâ bessôl, ancje se spes i faseve visite int che nol spietave.
Une sere, al jere a pene lât a durmî, nol veve ancjemò cjapât sun e al veve sintût un flât di aiar, po un strussiâ dentri ta sô tende, come se al fos jere jentrât dentri cualchidun-.
Ta penombre al viodeve une figure di une femine zovine e nol capive se al jere sveât o se al jere un sium. Cumò chê figure si sbassave viers di lui e lu bussave. Un profum al sintive ta so tende, chê zovine e jere la prime femine da sê tribù, che cumò e voleve fa l'amôr cun lui.
Lui, alore, al tire dongje dutis li fuarcis e al fâs l'amôr pe ultime volte, po al duar e tal sium al viôt la pradarie e un grant teritori di cjace cui besteons a mangjâ la jerbe.
Cumò al cjamine, ma nol tocje par tiere, al viôt di dongje la zovine squaw, che lu invide a lâi daûr, e lui no si ferme a pensâ, i va dongje, nol sint plui il mâl di vues e nol è strac ma plen di voie, si sint zovin e une grande pâs lu cjol vie.
La zovine lu cjape par man e lu tire sù, fin sore tun nûl blanc, e ducj i doi si sentin parsore. Cumò lui al sint di vê di gnûf une fuarce gnove, che a nol varès mai pensât di tornà a vê.
Al sint di sei di gnûf Acuile che art, e di lâ sû, cjalant di sot, al viôt la sô int, tantis lûs, come se a fossin tantis stelis e il cîl al fos la jù.
Sì, cumò al è rivât tai teritoris di cjace dai soi vecjos, chei simpri vêrs da l'eternitât!

di Maurizio Di Fant

3 coments:

Frank Spada ha detto...

Questo commento è stato eliminato da un amministratore del blog.

Anonymous ha detto...

Questo commento è stato eliminato da un amministratore del blog.

Anonymous ha detto...

" Di zovin al jere... il so non... Cumò lui al si sint di gnuf..."
Cin-cin e ben rivat in Ostarie, zovin o no zovin acuilot!
Mandi
F.S.

O varès alc di dî

Ti sêstu visât di firmâti? :)