mercoledì 27 aprile 2011

Cirint di scrivi coret: gramatiche


Dopo de ortografie un altri nivel di coretece al è la gramatiche. Ancje se al pues someâ normâl che un le cognossi za, in realtât si à di tignî cont di trê fatôrs:
1) in pratiche ducj a scrivin par furlan tant che seconde lenghe (di fat la prime lenghe che a àn imparât a scrivi e je il talian o une altre lenghe, ma no il furlan)
2) tra lenghe fevelade e lenghe scrite a son diferencis gramaticâls (come in dutis chês altris lenghis: par esempli par talian al è normâl dî "ha nevicato", "i gnocchi", "il treno che ho viaggiato", ma tal scrivi si cîr di lâ daûr de norme e di evitâ chestis formis).
Alore, nol è un paradòs che par scrivi ben par furlan si vedi di lâ a lei cualchi manuâl di gramatiche furlane:, ancje se si è furlans: no stait a stufâsi e a molâ daurman, lei une gramatiche us fasarà cjapâ cussience di tancj aspiets de lenghe che prime no tignivis cont.
Alore ve ca une altre piçule liste di “racomandazions” (ocjo che plui di cualchidune no je in grafie uficiâl, ma tant chê le vês za imparade tal post di dôs setemanis indaûr!):
  • Giuseppe Marchetti, Lineamenti di grammatica friulana, Società Filologica Friulana, Udine, 1952.
  • Zuan Nazzi Matalon, Marilenghe, Gramatiche furlane, Institût di Studis Furlans, Udin, 1977.
  • Giorgio Faggin, Grammatica friulana, Ribis, Campoformido (Ud), 1997
  • Fausto Zof, Gramatiche de lenghe furlane, Editrice Leonardo, Pasian di Prato (Ud), 2008

0 coments:

O varès alc di dî

Ti sêstu visât di firmâti? :)