sabato 17 gennaio 2009

Delitto e castigo


“Delitto e Castigo” a lu vevo let di canai. Ce Dostojevskij: Bradbury. Une conte curte in “Molto dopo mezzanotte”, un dai pi biei dai centenârs di Urania indurmidîts tal dalt de cjase dal barbe a Davâr.
“Delitto senza castigo”, cheste le conte; un omp che al vevo decidût, inte plene maturitât, di lâ a copâ, trento agns dopo, il so “peggior nemico”, ca lu angariavo cuant che al ero canai.
L’avion al ero vignût jù tra i nûi niaris come uno promesso di muart, intune citât merecane, Alberto te so panze, cuiet, determinât, lucit.

Al vevo firmât i demenziâi tescj de “migra” merecana ridint: “Sêstu un terorist?” ai domandavo. Po sigûr! “Puartistu cun te bombis atomichis?” ma clarementri! Tal persac! Joi.
A nd’ ero una “milestone” che a mancjave te sô vite, al pensavo intant che la ario cjaldo dal Texas lu avolzevo. Al vevo di sierâ un cont viert, prin.

Al ero montât suntun taxi vuidât di un indian, cul cruscot cjamât di imagjinis di Rama. Ai vevo dât un sfueut cuntun indiriç cjatât su internet. Il sfueut al ero stado uno buino ideo; no par vio dal so inglês, ma di chel dal indian. Al ero partît dal aeropuart di corse come un Schumacher cul cagot e in cercje di un bagno, e lui al vevo jodût l’avion che a lu vevo puartât a deventâ picinin fin a sparî.
Te conte di Bradbury, l’omp al ero lât a cirî il so nemic par sbarâi e lu vevo cjatât malmetût, brut, sfigât.
Cjalavo i ninui indians ondegjâ soro dal cruscot intant che il paesaç al cambiavo e al diventavo urban. Cjasos dutos compagnos, fabricos di tuessin, SUVs di coion. Biel puest, eh. Figon, compari.
Il taxi a si ero fermât cuntun stridi di frens lizior, e lui al ero dismontât fôr di Bombay diretementri tai suburbs. Al vevo fat cun calmo il vialet de cjaso, ordenât e un tic anonimo, sunant un campanel altretant anonimo, sintint te sacheto dal impermeabil il pios de pistolo.
Te conte di Bradbury, l’omp a nol vevo sbarât, impietosît dal mâl che il timp al vevo fat sul so nemic.
E il so personâl nemic al vevo viert la puarto, cualchi chilo in plui e cualche cjavel di mancul di un viaç, ma cu la stesso muso di stronzo frait preciso, cuant che a scuelo a i rindevo la vito oribil.
«Tu? Che ci fai qui?» Vincjecinc agns che i no si jodevo, oh, biel benvignût compari.
Al vevo tirât for la pistolo de sacheto e nol vevo nencje mirât, tant dongjo che al ero.
Il rinculo de pistolo ai vevo fat fa un salt indevuor, avondo par no sporcjâsi masso dai scliçs di sanc e vues e ciruviel.
Cualchidun di cualche bando dal neighborhood al vevo za tirat sù la corneto dal telefono par clamâ la polizio.
Alberto al vevo cjalât cun indiferenzo il cadaver dal so nemic muart su pal palment, platant cenço prescio la pistolo inte sacheto.
La vita a no è un libri merecan, compari. 
di Fulvio Romanin 
Conte n. 3

0 coments:

O varès alc di dî

Ti sêstu visât di firmâti? :)