lunedì 7 dicembre 2009

La colezioniste



Lis veve tignudis dutis di bande. No cate che ducj i disessin che lis robis a àn valôr dome se si lis dopre, e no se si tegnin di cont tant che la relicuie di S. Svualt a Sauris. Jê e pensave che cul jessi doprade e fruiade la robe e pierdès il so valôr. E alore, zaromai agnorums indaûr, e jere lade sù sul solâr, si jere sielte un biel baûl grant. Lu veve piturât dal colôr dal cîl e sfodrât cuntune biele cjarte colorade. Ogni volte che lu vierzeve un profum di lavande al jemplave l’aiar… i someave di tornâ indaûr tal timp.
Dentri e veve metût ducj i siei vistîts preferîts, chei che i plasevin cussì tant che, par pôre di ruvinâju no veve cuasi mai doprât. Sô mari le rideve vie “Al è dibant che tu tegnis di cont dute chê robe tant che e fos un cimeli. Doprile pluitost, che une dì tu ti pintirâs di vêle lassade fâ il carûl alì dentri!”. Nuie ce fâ, je le sbeleave e e continuave cu la sô archiviazion maniacâl.
Il fat al è che ogni maiute e veve un significât ben precîs e leât a un moment speciâl de vite. E jere la sô prime maie cu lis maniis curtis, piçule tant che un façolet a riutis blu e blancjis. E po e jere la maie cui cûrs ducj colorâts. Chê che cuant che le meteve e voleve dî che e jere tacade l’Istât. In ordin cronologjic e vignive daspò la maie dai mîts: Elvis, James Dean, Marlon Brando… ducj un dongje di chel altri. Metude une sere sole, cuant che pe prime volte e veve bussât un fantat. Ma bussât pardabon!
Parsore di dutis però e jere la maie dal Canadà: pûr sintetic agns ’70. Blancje, cuel e polsins ros, cun tal mieç la stampe di un distributôr di caramelis. Chel cu la boce di veri taronde e dentri i bon bons di ducj i colôrs. Parcè che, come che al cjantave chel grup

Quando ero piccolo il massimo
erano le chewingum a palline dentro la boccia.
Perchè una cosa va detta:
anche se i telefilm erano in bianco e nero
c’era sempre una cosa a colori,
la boccia delle chewingum.

Insome, une vite a meti di bande reperts, sigure che prime o dopo cualchidun al varès preseât e capît il lôr valôr. La dì che e jere nassude sô fie e jere convinte di vê cjatât par spartî cheste passion. Je sì che a varès dal sigûr capît la impuartance di chei vistîts, di chel rît di tignîju di cont… Sô mari le cjalave cun blasim e tenarece, cierte che la sô e jere dome une utopie.
E come che al sucêt in dutis lis storiis, e rivà ancje par jê la dì che e ve di rindisi. I colà il mont devant dai voi la matine che e viodè la frutine doprâ la sô maiute plui vecje, il prin toc de colezion, la Numar 1 di Zio Paperone… par vistî il gjat! E veve reson sô mari (robe dure di acetâ): la vite, cun ducj i siei vistîts, bisugne fruiâle cuant che al è il moment.
di Eowin
Conte n. 90

0 coments:

O varès alc di dî

Ti sêstu visât di firmâti? :)