mercoledì 28 gennaio 2009

Anime


Odôr di incens esotics e di savon di paviments, ufierte 3x2 di supermarcjât, si sint ancjemò prime di vierzi la puarte.
La puarte si vierç, lui al jentre, il rest al reste fûr.
Cualchi peraule, nissune che si capissi, e si che no je la prime volte che al va li ve, ma la bocje le cjale, e je la uniche robe che i interesse. Magari, altris, ur plâs di plui altris robis, ma par lui dome la bocje, e magari intant la cjarece dai cjavei neris te piel de panze e jenfri lis cuessis, intant che il cjâf di jê i va sù e jù.
Il tai dai voi orientâi no lu à mai cjalât e ducj i tais e lis lamis che i son jentradis dentri di jê par fâi fâ chel mistîr nol à mai volût viodiju.
"O vuei un pompin che mi supi sù ancje la anime! No di chei che e podarès fâmi Marta, che al è za tant se mi tocje cuntun dêt."
I lavris de frute si fasin infûr, si strenzin intor di lui, lu cjapin dut, sù e jù, e la lenghe e bale une musiche dolce e disperade: al vâl ben i 40 euros di gjavâ de pension. Al vâl sì. Cheste volte pardabon: al molç e al suspire fuart, jê e spude tun suieman e si nete la bocje, il pinsîr i va un lamp a cuant che in plui de bocje, cul suieman, si gjavave ancje lis lagrimis, ma al è passât plui di un an, cumò no 'nd à plui.

Odôr di sudât e di metal.
"Signorina risponda!"
"Al è dibant ispetôr, chê ca no capìs nuie, clamìn un interprete"
"Interprete di ce? Che no si sa nancje di ce cazzo di paîs che e ven! Bon, lassìn pierdi, tant la robe e somee clare."

Odôr di ingjustri e di fum di machine.
SCUVIERT SFRUTAMENT DI PROSTITUDIS ASIATICHIS
La Polizie visade di une telefonade de siore C.M., che e segnalave il cadavar di un om tal coridôr dal tierç plan, e je lade îr di matine intune palacine di vie Rome.
F.V. di 66 agns al jere muart di infart, salacor par jessi lât sù pes scjalis a pît: po stâi che, a sintîsi mâl, al vedi sunât il campanel de siore C.M., che in chê di vierzi la puarte si è spauride e e à clamât il 113.
Tal domandâ a altris incuilins, che a podevin jessi testemonis la patulie, si è metude in suspiet e à clamât daurman altris fuarcis, fermant cuatri suspietâts di sfrutament e nûf fantatis asiatichis, che no si sa ancjemò di dulà che a sedin e trops agns che a vedin, e che si viodeve che a jerin dutis in cundizion di sclavitût in miniapartaments dal ultin plan.
Biel che lis investigazions a van indevant, lis zovinis asiatichis a son stadis trasferidis in centris di protezion e assistence.

Odôr di frêt e di muscli.
"E je vere, mi soi fat supâ sù ancje la anime"
di Spirt Anonim
Conte n. 8

2 coments:

Anonymous ha detto...

biele storie
neorealisim dal globâl:
trê moments un jenfri chel altri.

par me cont, dome une peraule di masse:
si varès capît compagn cence pierdi in elegance
me e reste une biele storie
e disintle dute: ancje une biele muart

Jaio Furlanâr ha detto...

Biele storie ben contade. Pecjât che no sedi ambientade tal Friûlo te nestre culture come che mi pâr a si vedi di fâ su Contecurte.

O varès alc di dî

Ti sêstu visât di firmâti? :)