lunedì 7 settembre 2009

Pinsîrs di un Sant



E vuê e je rivade la grande setemane! Vie di chel armaron! Eh sì, parcè che mi tirin simpri fûr un pôc prime che e tachi la mê fieste (a varan ben di lustrâmi un tichinin) e pai 5 di Avost al è dut pront.
A Messe grande mi sostenti a cjalâ i turiscj e i emigrants che ai torne ogni an (un tic come me) ma cui che o vuei tornâ a viodi a son i miei paisans (che aromai o sei deventât un di lôr, ancje se o ai fat fadie a imparâ il lôr lengaç… che jo o soi forest, par dîle dute, inglês).
Cetante robe che o ai viodût mudâ dilunc chescj agns, parfin lis musis no son plui chês tai bancs. Ma mi vegnin pardabon i sgrisui cuant che tal mieç da int o viôt une musate gnove che mi rît e mi mostre cul dêt e il canaiut al vûl savê cui chi o sei e parcè che o ai la gabane invezit che i blue jeans…
Chi mi sint a cjase e gjolt a viodi lis lûs e lis rosis ator ator di me (cjale po, chest an sclopons no spadis, ma mi plasin istès) e la int a sa che o sei achì par lôr e che ancje chest an al restarà bon timp, dopo Gjespui, che mi àn di puartâ a fâ un zirut pal paîs che o scuen controlâ se ‘nd è cambiât alc, se il panorame al è simpri chel o se il bosc al è vignût plui in jù. E dopo scuen scoltâ benon i componons, nasâ il bon odôr dai cjalsons, sintî la arie svintulâmi i cjavei luncs e smirâ cjamps e prâts (ur darai une man par che a vegnin cartufulis e fasûi chest an).
Ve achì che a son chei che mi àn di puartâ fûr. E ce biei, ducj vistîts in gringule cuntune biele fasse blu. Vino di lâ? Anìn alore! Però… mi samee che al mancji cualchidun. Ce strani… chest an nol è chel omenut che mi puartave simpri… Ma ce impuarte o soi sigûr che cul spirit al è achì ancje lui e so fi al à za cjapât il so puest.
…e vie! Su pas stradis flodradis di bandierinis, cu la int che si ingrume su pes spaltadis e i forescj che mi fasin fotos. Ma ce che mi fâs plui plasê al è sintî che a 'nd è ancjemò int che a à fede in me e che mi pree e, ancje se cul passâ dal timp, la pussission si è stretade e scurtade l'impuartant al è che e sedi fate e fin cuant che al sarà cualchidun che mi cjaparà sù pe schene o soi sigûr che il mont nol larà indisot.
di Sara Maieron
Conte n. 63

0 coments:

O varès alc di dî

Ti sêstu visât di firmâti? :)