lunedì 27 agosto 2012

Al veve trê agns e al è muart brusât


Al veve trê agns e al è muart brusât. La mari a fo clamade in tribunâl e dopo vei tribulât un pouc a è stade diliberade. Una storia vera e documentade, sucedude tal 1892. Cumò chel frut nus conta

«Di ca sù jout di mê mari e da mê int»

Venezia, 28 aprile 1892: «La Corte di Giustizia accolto il ricorso ed in risposta della sentenza 4 marzo 1892 del Tribunale di Tolmezzo [di] non farsi luogo a procedimento al confronto di [omissis] Catterina fu Matteo d’anni 45 pell’imputatagli reato previsto dall’art. 3711 del Cod. Penale per non incorrere nel fatto
addebitatele […]».
1. Regio Decreto 30 giugno 1889, n. 6133 : «Chiunque, per imprudenza, negligenza, ovvero per imperizia nella propria arte o professione, o per inosservanza di regolamenti, ordini o discipline, cagiona la morte di alcuno, è punito con la detenzione da tre mesi a cinque anni e con la multa da lire cento a tremila. […]».

A era ora! Finalmenti di ca su pos tirâ il flât e jessi content pa mê cjara mari. Ai erin ormai masse meis che chesta rouba si strassinave e no volevin capî…
Ma cemût si podia pensâ che mê mari a fos stade (cemût ch’ai àn det lôr) «negligente e imprudente», peraulas ch’a mi à vulût una dada a capî ce che as voleva dî… Impussibil! Pensait che la vevin condanada a passa 70 dîs di pareson e a una multa (che za no vin nua) par veimi lassât di bessol in cjasa cun mê sûr di sîs agns. Ma una mari no pos migo stâ dut il dì devurmi. E i servisis? E las bestias? E duta la cjasa da mandâ indevant? Che gno pari al è muradôr, al è fûr a lavorâ… E cun chestas peraulas si è sierât il dut:
«Considerato che una tale volontarietà [di causare la morte n.d.r.], un tale  consentimento non può ritenersi siasi verificato nella [omissis] riferibilmente al
fatto della morte del di lei bambino; lo respinge anzitutto l’intenso affetto pel proprio nato…»
Ce dî… sei nassût indât… o forsi no. In dut Cleulas ducj a san che i frutins che, coma me, a murin piçui ai daventa a colp agnui e in chê dì no si sunin las parias ma
i componons e la messa no è di funerâl ma “dai agnui”.
E cussì, ai 30 di Zenâr dal 1892, compagnât dal sun dai componons e dopo vei patît cuatri dîs (che las scotadas a fasin mâl) mi sei sindilât, a cjalâ ducj dal alt. E su pal sfoi al è stât segnât: «hanno dichiarato che a ore meridiane 12 e minuti 30 di oggi
e morto [omissis] Giacomo». E jo, Jacum, sei stât scancelât dai regjistros das Istituzions umanas par entrâ in chês sempiternas. Ma no sarès restât da bessol parcè che via pal an a saressin stâts sîs i canais muarts e segnâts su par chei sfois (Anna
Maria di 6 meis, Alfonso Antonio di 1 an e 6 meis, Palmira Rosalia di 4 agns e di 1 an Barnaba Pietro e Giulia Caterina)… cui par un motîf, cui par un ati. Jo, par contausa duta eri classe 1888, si chè duncje vevi trei agns e – coma c’al è sucedût
encje di chescj agns e voreis za capît – sei muart brusât.
«[…] nel 26 gennaio 1892 lasciati incustoditi in casa per circa un quarto d’ora il proprio figlio Giacomo di anni 3 in compagnia soltanto d’una sorellina di
anni sei […] il fanciullo suddetto avvicinandosi al focolaio nel quale ardevano legna si appiccò il fuoco alle vesti e ne riportò ustioni così vaste e profonde da causarne la morte avvenuta nel 30 gennaio successivo».
E ce freit in chê dì! Ai 30 di Zenâr dal 1892, a tirava una buera! E mi vevin metût intuna cassute e mê santula mi puartava.
Ai jodut dut! Parcè che, pal fat chi eri un frut no taponavin la cassuta fin sul simiteri ma a lassavin che ducj mi viodessin. Eri biel, a sameava chi fases un clup! Dut vistît di blanc e cuntuna granda scufa. E vistîts a blanc ai era encje i fruts ch'a mi àn compagnât. Nua “Dies Irae” par me, nua “Miserere” e nencje “Libera me Domine”, che a mi no mi coventavin. Eri a pena sul scomençâ da vita, ce voleiso chi domandàs perdon… forsi par via che ogni tant roubavi un tidinin di farfula a mê sûr o a gno
fradi? Fan a è fan… E cussì nua vegla e nua limueisina.
E dut si è sierât tal cimiteri vecjo da banda di Paluça che nus metevin ducj aì, nou piçui. Ma jo rivi a jessi content istès parcè che cumò, di ca sù, podarai jodi di mê mari e da mê int. 
di Sara Maieron

1 coments:

gelo stellato ha detto...

Ogni tant, ancje se o sin in feriis, nus rive alc di gnûf e chiste mi è personalmentri plasude une vore :)

O varès alc di dî

Ti sêstu visât di firmâti? :)