mercoledì 17 giugno 2009

Fâlu planc



Al fronte la salide cjalantsi ator. Nissun. Al dismonte de biciclete e al va sù a pît fin al pas content di vêle fate francje. Al tire flât, al plee la Gazete sot de maie e dopo al file jù pai tornants de provinciâl di Paluce fra i sgrisui dal bosc.
«O rivarai te ostarie juste pal cuartin», al pense.
I amîs grisulins a bati carton, e lui al podarà fâ il sbregot, come ogni dì, pe sô corse cence distacâ i pîts da pedâi.
Tin “Scovete” lu àn cjatât soresere grampât tun len sul volt “fâlu planc” – cussì lui lu clamave – il tornant sec che al mene viers il centri dal paîs.
Al funerâl, pre Rafael al domandà a un che lu cognosseve parcè che Tin nol fasès mai chel percors al contrari: «Ce vuelial, siôr plevan, al veve chê mende. Saial, di zovin si fermave là sù de Luisone e al rivave cjase dret cuant che al jere scûr».
«Ah!» al disè fûr il plevan, fasint intindi che al capive. 

di Frank Spada
Conte n. 52

11 coments:

Frank Spada ha detto...

Biele cheste voltade, strete, drete viars l'immagine che ancje cheste mi plas di plui di che atre!
Grazie Gianfranco Pellegrini, grazie Rafaél ostiir.
Mandi.

Anonymous ha detto...

Secondo me, i racconti di Frank sono delle chicche, in friulano sono ancora più belli. Amelia

Frank Spada ha detto...

Usti veh! saveiso che... o lustri vie il ruzin dal velocipede e... ma, siore Amelia, seso la stesse che ha menat a fasi sburtà vie chel Cincent ros flamant, fin lì di chel distributor Agip che dopo chel pompist... ce tants speteguless... sì, o podaress di gnuf montà in selle e là a pit co soi plui sigur di no restà sflatat, juste in cime di chel pass e dopo che la Luisone mi ha fat zoldi un'atre volte come un frut, svolà a bass e piardimi platat tas lis ombrenis di chel foret, che nissun a l'ha capit ce che sta a fa fasinle plan.
Mandi Amelia.

Frank Spada ha detto...

Sior plevan (p picule) cal stedi atent che s'al fa... il foret a l'è tant clar che... vecjo sì, ma stupid no, sajal sior zovin.
"«Ah!» al disè fûr il plevan, fasint intindi che..." se no l'ha capiit lu fasaran capì... sigur! il web a lè lì par chist.
E rinovant la stime a Gianfranco Pellegrini, i diis mandi par vie che a l'è un Omp grant.

Frank Spada ha detto...

In final e tant par jessi clar, us segnali che "Falu planc" (scuviert par cas su Contecurte, che nissun mi veve dite nuje) lu vevi postat il dì d'istess su Google Plus (disativant il comentà) dome pa fa cognossi al mont l'Ostarie e i Contecurtars (se mi cognosess o saves che mi plas zujà ma che non conti mai balis), tant che uè, 19 Otubar 2012 (le date par evità che un doman lis memoriis e svolin vie) ho hai zontat un coment a lis h 11.15, disativant di gnuf e par simpri il comentà.
Mandi a duciis.

Valentina Contarino ha detto...

E fu così che mi ritrovai a smaltire l'arrabbiatura per un corso di cinese andato male leggendo a voce alta un racconto in un dialetto che non mi appartiene, ancora.
Un racconto che - il caso onorandomi - mi è stato tradotto dallo stesso che pensò a quel ciclista che andava in su, in su, per salir ancor più su, scendendo da una bicicletta e salendo su una bella.
Che in fondo, nemmeno il prete se ne duole, perché i piaceri della carne sono umani e per quelli val la pena di morire, a volte!
Valentina Contarino

Frank Spada ha detto...

Gentile Valentina Contarino, che arriva qui dalla Sicilia passando per Milano, che usa intelligenza e curiosità per apprezzare la "lingua" di una comunità "romanza" che a volte si chiude come un riccio, serrando porte e viste (su siti/blog) per curare gli orticelli in pietre che germogliano soltanto indifferenze e malcelate stizze nel tentativo di deviare correnti alternative come stream, o simulare la meccanicità delle motivazioni ingenue, e ben visibili, invece, a chi risponde con gioia al suo commento, inaspettato e gentile, che sottintende benevolenza e attenzione per l'immagine di una bicicletta apparsa su Google Plus per far sentire che il FRIULI è vivo, e oggi è in PRIMO PIANO sul Chronicle locale dove due paginate intere sono dedicate alla "MARILENGHE", affermando che è una ricchezza nel mondo globalizzato.
Grazie Valentina, con un Mandi in tutte le acccezioni che ormai le sono note, che mi piacerebbe lei intendesse rivoltole anche nome di tutti i Contecuntars e di un'Osteria.

Frank Spada ha detto...

Gentile Valentina Contarino, lei mi porta fortuna!
E visto che ormai il friulano lo mastica bene... jr, daspò-misdì, un amì, grant e gruès in dutis i sens, titolar di che librerie storiche tre generations tre in Viktor Street, mi ha segnalat che il Soreli a l'è stat su par 24 Oris e je, Valentina, cjalantlu cence timor di lacrimà di gust a Milan, ué mi onore un'atre volte su Google Plus metin in clar chel pseudonim, chel furlan vie di teste, insomme, ator pal mont de Letterature a bracet di Marlowe e dal so Dopli.
Graciis, plui une bussade cun afiet.
ps - une strete di man a Christian Romanini, Galliano Remo De Agostini, Oscar B. Montoya e Mario Sommarti che mi an testimoniat che l'amicizie no ha confins ne patrie.

Valentina Contarino ha detto...

Gentile Frank Spada,
l'onore, temo (senza troppo ritegno), è stato tutto mio.
E sperando di non errare:une bussade cun afiet a Lei.

Anonymous ha detto...

Usti, al jere un pieç chi no passavi par chestis bandis.Lavôr-amôr-e-vite no nus lassin lâ simpri tai puescj dulà che si varès di jessi. Forsit parcé che il jessi achi al é come murî di un'altre bande. Dutcâs, o tornarès ben a Paluce par lâ a cirî che strade e magari cjapâ le stesse curve par viodi dulà chi larès a sbati.
Di fat, lis curvis in Friûl no si cjatin simpri dulà che si crôt e a si và simpri a sbati di cualchi bande.
Fortune che amancul lassù, a 'nd é il ristorant da Otto di Timau par lâ a dismenteâ ce che si varès di ricuardâ in mût di no lâ a sbati simpri tal stes mûr de indiference o de invidie di chel Popul Dûr descrit dal inglês Patrick Heady, o de Gombe da poç scrit li ator da Mauro Tedeschi che i contecurtârs a varessin di cognossi fevelant al bar cun chei di Paluce che a fevelin di Marino Plazzotta muart fevelant di Toni Beline muart fevelant dai furlans che a moraran une di o chê altre cence vê savût fevelâ plui di chel tant.
Usti, ce tirade. Scuse se il gno coment al é plui lunc de tô conte. O varès podût contâti chê di chê biele frice di Liussûl che mi fâs tirâ alc tal cjâf seben che sedi lade a finî tal paîs dal soreli ievant o ben chê di chê altre palucês finide a Udin indulà che si finis simpri par podê miôr tornâ a lâ.Ma cheste a é une altre conte chi scrivarai forsit une di cuant chi ti varai let avonde.

Jaio

Anonymous ha detto...

E alore vonde chì, cun le malizie francje, cjar Jaio, alias Mario Sommarti, alias un vagbondist di ideis e ingegnositats. Un Omp cal sa che se ué a son dutis Sants, al ul dì co no sin già Muarts :)
Mandi
Frank

O varès alc di dî

Ti sêstu visât di firmâti? :)