mercoledì 12 maggio 2010

Mode



A jerin 200 agns che di muart naturâl nol murive plui nissun: un miliart di personis, modificadis, selezionadis par varietât di gjenome, in mût di no sierâsi nissune puarte pal avignî, a vivevin in pâs intun mont aromai cuiet. La eliminazion des cjadenis gjenichis dal invecjament e la interpolazion di gjens di levan lis vevin puartadis indevant un grup di savis iluminâts, aromai muarts, che a vevin fat la lôr sielte di scuindon e cence che nissun no ju podès fermâ: nuie plui invecjament, e par compensazion sterilitât scuasi complete. Il gjenar uman si veve trasformât intune gjernazie di ibrits, ma si restave simpri zovins, o al massim madûrs: se no si veve cualchi incident, la medisine e faseve che al fos impussibil murî di malatie e il cuarp, te flôr de fuarce, si ripiave in curt di chês pocjis malatiis che si cjapave ogni tant. Cu la riduzion de popolazion e cu la distribuzion tecnologjiche belançade al bastave pôc lavôr par mantignîsi in ecuilibri cul ambient e vê dut ce che al coventave: l’incuinament al jere un cjapitul di storie passade e no jerin plui vueris. Par dâi la volte a chei pôcs che a murivin di incident, si programave une cierte cuantitât di clons ogni an.
Dut al leve indevant cence problemis. Dome tai ultins 6 mês si viodeve che si varès vût di incressi la cuote di clons gnûfs almancul dal 600%, e la proiezion al pareve che e ves di lâ sù ancjemò. Al pareve che chest cambi al fos tacât par vie di un messaç te rêt, che al jere deventât une mode di sucès straordenari:
“Tu âs provât dut, e je ore di dâ un sens ae tô vite: prove la muart!”
di Spirt Anonim
Conte n. 128

1 coments:

ateliersommarti ha detto...

Usti, ce finâl a sorprêse!

O varès alc di dî

Ti sêstu visât di firmâti? :)