mercoledì 3 giugno 2009

Plan di reintegrazion



“Ma disimi tu... ma no sarà mighe une robe pussibile.”
Tal cjâf mi sunavin dome chês peraulis.
“Disevot agns: disevot agns! Disio just? Va e no va mieze vite”
Un toc di cjarte in man, che bon, al podeve lâ di piês: di chei timps ca al somee che a puedin parâti fûr ancje dome par pueste eletroniche o cuntun sms.
“Ma disimi tu... ma no sarà mighe une robe pussibile.”
E cumò no mi somee vere, ma al jere di un biel pôc che i pensavi: di sîs mês a vevin sierât mieç stabiliment. A mi no mi veve tocjât, ma o vevi za i sgrisui che mi corevin sù pe schene. Sì... fat cualchi siopar, fevelât cul sindicât, ma se la dite e siere e siere, il paron al reste mâl, plen di debits, pal amôr di Diu, ma cui bêçs in man, e chei altris il cûl par tiere: al sa ben fâ i siei conts, lis cjasis sot non de femine, la machine dal fi, il rest saio jo...
“E a mi ce mi restial?”
Disevot agns di lavôr, fat pulît, cu la cussience a puest, simpri dut in ordin: e cumò un sfuei di cjarte.
 “E a cuarante e passe agns cui mi cjapial?”
Ma no mi free nie di cui che mi cjape! Chel chi al jere il gno lavôr, la mê vite, i miei compagns di vore! Saraial pussibil!
Dome vergogne: mi reste intor dome vergogne...

E cumò par cjapâ chei cuatri credits di disocupazion o ai di fâ il plan di reintegrazion pe ocupazion: o scuen, o ai firmât.

Ben po, o pensavi che al jere pierdi timp, invezit al è stât propit biel: par me e je une robe gnove, ma o soi content che cumò lu fasin a ducj i zovins.
Ae fin al è come studiâ storie, che a mi no mi veve mai interessât: al è che la int une volte e jere ignorante, ma tant! Disio jo... ma cemût fasevino i comuniscj a concepî il proletariât, une comunitât, ce promiscuitât, ce robe inaturâl, mi sint sporc dome a pensâlu; e po chei criminâi di fassiscj e nazionaliscj, la “Nazion”, ce assurditât, come se chei altris a fossin forescj, ma ce aial di interessâmi a mi se un al è di ca o al è di fûr: no isal compagn? E i partîts, e i sindicâts de fin dal secul passât e  dai prins di chel ca? Dome fâ fente di barufâsi par cuatri vôts e pai bêçs publics, che dome il concet di public al è vergognôs: ce porcarie ancje chê li. Mancul mâl che cumò al è il Realisim Finanziari: vie chês stupidagjinis di ideâi, di societât... ognidun al è libar, al fâs ce che al à pues e ce che al vûl par so cont, al è te realtât dal Om! Il siôr al è siôr parcè che al è bon di tirâ sù credits, il puar nol è bon, e alore di credits a ‘nd à di mancul, e di gracie che a son i Istitûts: no plui chê criminalitât di politiche e chês ipocrisiis solidariis, cumò se tu âs bisugne tu vâs tun Istitût che ti cjate ben un Plan Finanziari Realist just par te, individuâl, come che al è te realtât dal Om.
O soi content di vê capît, e cumò o ai ancje un lavôr: o ai pôcs credits... ma e je la sodisfazion di fâ capî ancje a chei altris.
di Spirt Anonim
Conte n. 47

0 coments:

O varès alc di dî

Ti sêstu visât di firmâti? :)