venerdì 24 maggio 2013

Cemût si scrivi une buine contecurte

Chest al è un post vieri, che mi pâr util di tornâ a meti sù.
Une schirie di conseis che a mostrin cuâi che a son i aspiets plui impuartants par meti adun une buine conte curte.
No vuei insegnâ nuie a nissun, ma... dut al jude.  Si che:

Pont numar 1: la idee
Non esist une buine conte curte cence une idee che e stedi sot. Viodintle a la gruesse, al ven clâr di pensâ che plui si jentre intun argoment cognossût e doprât di tancj, plui al è dificil cjatâ une idee origjinâl. Ma ponût che in dì di vuê al è scuasit impussibil proponi alc di verementri gnûf, al vâ dit che ancje un argoment “fruât” al pues jessi modificât in maniere di rindilu gjoldibil.
Ven a stâi però, che se al pues jessi dificil cjatâle buine, une idee di fonde e à in ogni câs di jessi. Il biel di une conte curte al è ancje il fat che la conte intere e stâ dentri tal cjâf intune volte sole, di cuant che comence fin a la fin. Tacâ a scrivi cence savê ben dulà lâ a finîle, al è il prin pas viers une conte insigure o lamie. Par dîle a la maniere dal marketing: la idee di fonde al è il core business de conte.

Pont numar 2: la forme narative
Come forme narative o intint almancul doi aspiets: la coretece formâl e le maniere di contâ le storie.
Dal prin pont di viste, lassant in bande i discors de grafie, o marchin che, come che o crodìn a capiti a ducj, al è simpri biel lei une conte corete e che no vedi falopis di batidure o, come che a si dîs par talian, “refusi”. Di solit chestis piçulis imperfezions a nassin dome di une rileture de conte fate masse in premure, e dispès si comedin ancje dome cuntune passade intal coretôr ortografic.
Il secont aspiet invezit al è plui tecnic. Une volte che si à tal cjâf ce che si à voie di dî o la storie di contâ, prin di pontâ i dêts su le tastiere, si varès di pensâ a cuale che e je la maniere miôr di fâlu. A son tantis sieltis che a podin decretâ il suces de conte: prime o tierce persone? Regjistri informâl o liric? Colocuiâl o poetic? Meti un dialic o no metilu? Contâ dut come che al sucêt o platâ alc e dîlu a la fin? O no dîlu dal dut? In somis, un pensîr prime di tacâ a scrivi si pues fâlu ancje su chestis robis.

Pont numar 3:  che la idee si capîsi
Disin che a nol covente vê une buine idee di fonde, e magari ancje savêle scrivi intun stîl perfet, se dopo, chel il letôr medi, al nol capìs un boro. Ce che la conte e vûl comunicâ, o ce che al sucêt inte storie, o cemût che a la fin a son ladis lis robis, al è ben che il letôr che al lei cun atenzion al rivi adore a capî dut. Al è biel tornâ a lei une conte cuant che a si vûl gustâle miôr, pluitost che cuant che no si à capît ce savôr che 'nd à, cun di plui che jessi clârs al puarte simpri un impat plui fuart e al è scuasit simpri preseât.
   
Pont numar 4: il “no dit”
Ogni tant, par no dî simpri, al è biel che e vedi di lavorâ ancje la fantasie dal letôr. Chest se al è vêr intun romanç, al è ancjemò plui impuartant intune conte curte, dulà che lis peraulis a son contadis, e dispès bisugne limitâsi a descrizions piçulis o parziâi dai fats, par lassâ a la imagjinazion di chel che al lei la voie di jemplâ i vueits. La imagjine plui emotive e reâl, e je simpri chê che un a si fâs su di bessôl.

Pont numar 5: la code dal pensîr
Une robe di no cjapâ sot gjambe, e che dispès e diferenzie une conte che no si dismentee di chês altris, al è il finâl. La sierade di une conte curte e varès di jessi alc che al lasse il pensîr libar di cori. Un finâl che nol è une didascalie, ma une puarte vierte, che però al lasse il letôr sodisfat, cence che i resti la gole. Nol è facil, ma al è sigûr un aspiet di preseâ, cuant che al è presint.

Pont 6: il titul
Gjavadis chês contis che magari a nassin za dal titul (par esempli chês cuntun zûc di peraulis) il titul al è une part impuartante de conte, ni plui ni mancul dal rest. A son titui, ogni tant, che a rivin a cambiâ dal dut il sens de conte o a zontâ un altri significât. No che al vedi di di jessi simpri cussì, ma ogni tant no je une brute robe spindi cualchi minût di plui a pensâ il “just” titul, invezit di meti il prin che al ven intal cjâf.
scrit dal Ostîr de Ostarie

0 coments:

O varès alc di dî

Ti sêstu visât di firmâti? :)