sabato 22 marzo 2014

180/78

Andrea Mantegna - Batae des divinitâts dal mâr
(1470, incision, 283x826)


Franco al vierzè la puarte e il vosarili lu sdrumà. Al viodè dôs tetis scridelidis, scjassadis e fruçadis come sacs vueits, dêts crevâts e comedâts cun grops malsacodâts, mans che a impugnavin pes e vuès e madracs e spadis e cuars e spiei e raclis e pivets e forcjis e mil e mil altris vencui e çavariaments. Al sintì cjavai strupiâts sgagnî e tucâ cui çocui su la puarte de sô pietât. Une vuere sbreghecûr jenfri lis divinitâts dal Judizi e chês dal Alcaltri. Al sierà, savoltât.
No, no jere umanitât, chê, e lui al varès fat di dut par puartâle a finiment.

di Raffaele Serafini
Contis dal Ostîr



Franco aprì la porta e le grida lo investirono. Vide due seni rinsecchiti, agitati e stracciati come sacchi vuoti, dita spezzate e saldate in goffe pinne, mani che brandivano pesci e scheletri e serpi e spade e corni e specchi e bastoni e trombe e forche e mille e mille altri incubi e deliri. Udì cavalli deformi nitrire e bussare con gli zoccoli alla sua pietà. Una guerra straziante tra gli dei del senno e dell'altrove. Richiuse, sconvolto. No. Non era umanità, quella, e lui avrebbe lottato per porvi fine. - See more at: http://ilblogdigelo.blogspot.it/2014/03/i-maestri-del-colore-1-mantegna.html#sthash.By7OKrtX.dpuf

9 coments:

Anonimo ha detto...

Porco boie,Raffaele tra la tio conte e che di Tam vuè di matine ai çialat fur dal balcon par viodi se i nemai dumiestis e vessin cambiat fisijonomie.Bieles espressives dutis dos. Lussian

Anonimo ha detto...

Sbreghecûr...ce impression grande!
Biele, biele!

180/78?

gelo stellato ha detto...

mandi... e graciis
180/78 al è il numar di une leç vulude di ciert Franco...

Anonimo ha detto...

Clarissim!

Anonimo ha detto...

Forse l' appellativo di (Santa Gorizia) è piu meritevole da parte di Franco. Lussian.

Galliano ha detto...

Raffaele, une biele e curte descrizion di une orende bielece. Mi imagjini a cualsisei che al vedi a cefâ cun chês puartis e cjatâsi cun chel cuadri. Mi auguri che la 180/78 e vedi puartât solêf a chês situazions.

Bepi Zefon ha detto...

Ostîr, a tu sês miôr di Sgarbi tal fâ fevelâ i cuadris, ma tu a tu âs il vantaç di paronâ la marilenghe che lui a nol podarà mai vê. Dulà si cjatie une lenghe siore e armoniose come il furlan?

gelo stellato ha detto...


Gracie Galliano e Gracie Bepi.
e in ogni câs o ai fat il stes pensîr su la lenghe
la difarence jenfri la version taliane e chê furlane e je un foran!

nelodifeagne_51 ha detto...

Brâf cui che al olse jentrâ tal misteri che come la ombre no us bandone: la vite, divierse des besties di Lusian che a passonin tal curtîl

O varès alc di dî

Ti sêstu visât di firmâti? :)