lunedì 23 giugno 2014

Domenie


Ducj i doi a spietavin la domenie cun impazience, ma no parcè ch'al fos il tant bramât “weekend”: e jere la ocasion par viodisi a messe. Nissun dai doi lu veve mai dit a chel altri; si platavin chel segret a vicende e al jere une vore dificil stâi daûr ae funzion cuant che i lôr voi si incrosavin: chei di jê a jerin come colombis. Jê si incjantave scoltant il salm e figurantsi di jessi braçolade strente strente di lui. A jerin cussì inamorâts che cualchi volte lui, cjalant in direzion di jê, al riscjave di pierdi il fîl de predicje e al scugnive tacâ dut une altre volte, intal mieç da l'imbaraç dai fedêi.
di Jacum Trevisan

5 coments:

Anonimo ha detto...

Mi displas, ma o vevi miôr le figure di prime.

Anonimo ha detto...

Pecjât pe figure gnove, ch'ai gjave la sorprese finâl. Bepi

Anonimo ha detto...

Da zontâ in addendum asolutamentri in te gnove edizion de "Fabriche dai prèdis", se mai an sarà une altre une dì:-)
Jaio

Anonimo ha detto...

Cui sa ca nol divegni un clariment tal scur dal confessionari. lussian

Anonimo ha detto...

Lussian, dut cas a sarès je a dai la assoluzion a lui. Bepi

O varès alc di dî

Ti sêstu visât di firmâti? :)