lunedì 2 febbraio 2015

Ator pal paîs


Il cîl al jere ancjemò clâr ancje se il soreli aromai si jere dal dut platât daûr dai monts che si viodevin no tant lontan. E in chel cidinôr si sintive, ogni tant, dome un gri che al criçave forsit par dâmi il benvignût. Dopo tancj agns tornavi a viodi i arbui che o vevi plantât cu la scuele.
Par tant che si jerin alçâts al pareve tocjassin il cîl. E ju cjalavi cuntun fregul di malinconie, pensant a trop timp che al jere passât, a trop che o jeri piçul in chê volte, ai miei bregons curts, a chês busis sgjavadis par podè pastanâju, a chê zornade di fieste cui mestris su lis nestris culinis. Culinis in chê volte salvadiis, il nestri far west, là che si sintivin parons, il lûc des nestris primis bussadis proibidis, dai nestris grancj pecjâts.
Intant, planc planc, si fasevin indenant lis lûs dal paîs che come faliscjis si viodevin là jû ator ator de culine e nol mancjave chel brut lusôr che mi inceave, dai lampions piâts di dutis chês cjasis plui dongje, di dut chel ciment che al veve sbregade par intîr lis stessis culinis.
E par ogni lûs di chê cjase che e rivave a miei vôi, o pensavi a cui che une volte al stave jenfri chei mûrs. Cussì mi tornavin tal cjâf Mario, Lino, Marco, Gjani, Anute, Angela… cun me prime fruts e dopo fantats tai timps indulà che o jeri puieri. 
Cui sa ce che a àn fat te lôr vite, indulà che a son lâts? Di lôr, o sai dome di chei che a son lâts vie par simpri a polsâ sot i pins. E chei altris? Come par dut: cualchidun si è fât siôr e, chel se mi cjate par strade, di sigûr no mi viôt, al va dret. E chei che no àn vude tante fortune, lu stes, se mi cjatin ator pal paîs, cu la scuse che la femine a cjase ju spiete, o magari parcè che a àn di lâ a messe e a àn simpri premure.
Cuant che tu tornis, pôcs si visin di te, e se cualchidun ti salude, cuasi ti trate come un forest. Nol è par tristerie se a fasin cussì, e je la vite, al è il mont.
Se di zovin tu vâs vie dal paîs, nol è nuie ce fâ: smenteiti di dut, tant dut al cambie e no dome lis cjasis e lis stradis, ma ancje la int. E di sigûr, ancje il tor dal paîs, in che dì che i tiei voi no viodaran plui il soreli, nol sunarà lis campanis. Di un pieç il muini al è muârt e il plevan di cumò no ti à mai cognossût. Vere, nol jere in chê dì che mi àn batiât.
di Nello Malisano

6 coments:

Galliano ha detto...
Questo commento è stato eliminato dall'autore.
Galliano ha detto...

Biele la tô conte Nello, purtrop plene di avilizions, di lancûrs e di îrs che no faserin part cul protagonist de vite di ogni dì. Intun pont tu disis : “Cui sa ce che a àn fat te lôr vite”, la stesse domande se le fasaran lôr su di te. Cheste conte le sint come mê, mi sucêt lu stes ogni cuâl volte che o torni in paîs, e ogni volte a son simpri in mancul a saludâmi, dome tal scampanotâ de sabide sere o sint il salût di simpri. Di sigûr ducj chei che o deciderin vivi di altris bandis o sintarìn i stes sintiments.
Un abraç,
Galliano

Anonimo ha detto...

Nostalgjie, ce brute bestie! La voie, la sperance di cjatâ dut come une volte e je un tininin egoiste in rispiet a chei ch'a son restâts. A si torne e no si sa parcè, forsit par cjalâ indaûr. Tant che cjalâ lis stelis cul telescopi. Bepi

Giovanni Nello Malisano ha detto...

No, no Galiano no soi avilît. Je la vite, al è il mont. Forsit al è come che al dîs Bepi. Si torne par cjalâ indaûr. e jo o zonti: cul telescopi del nestri cûr. E magari ogni tant vin la fortune di viodi un nît di mieli, sintî cjantâ un grì cuntun fregul di malinconie. Ma no tante. Gracie Galliano, gracie Bepi

Luciano Marinig ha detto...

Biele la conte Nelo,ae sburtade di chel spirt di sorevivence che l'inzegnir ca nus à fats al à ben pensat te programazion.El lancur nol è pa la int e i cjantons pierduts di che volte, ma ben tant pa zoventut pierdude,come cuant tu disis tu ( tai timps dula co jeri puieri) .Cui tornares di front une scudiele di polente e lat,saluda il paron dal pais cul cjapiel in man,muri di pendice parce no jerin beçs par curale,e vie indenant anciemo.O vin di pensa che ogni pais prin di fondalu nol jere,e sal cambie al'è parcè cirin di falu mior,come cussi noaltris. Mandi Nelo, e compliments par chel biell lei che tu nus das. Lussian

Mario Sommarti ha detto...

Il fat al é che lant vie si gambie ancje il mût di pensâ. A si crôt che i ricuarts a sedin simpri chei ma di spès a son imbielîts pe nestre voie , o disarès, di amâ a ducj i coscj. Compliments.

O varès alc di dî

Ti sêstu visât di firmâti? :)