mercoledì 11 febbraio 2015

Il segni di crôs


Le prossime volte che tu ti fasis il segni di crôs, disubidìs a ce che ti veve, di frut, insegnât puare tô none. Une volte slargjade la man a drete e a çampe no sta fermâle sul pet, slungjile jù fin tal cavalot.
Ancje ce che che tu âs sot da tô panze e jenfri lis gjambis al un don di chel Diu che ti à dade la vite.
La sot nol è lûc di pecjât e, po’ ancje tu, tu vegnis di li. Lasse sta ce che disin i predis e i bigots dal paîs, lis brutis vedranis e i vieris vedrans che cun ce che àn là sot no àn mai capît nuie.
Là nol bat il soreli parcè che di lûs za 'nd è masse, baste dome savê piâ il cric. Il cric plui preseât che la nature e à savût regalâ a ducj chei che a àn i voi vierts, chei che no cognossin malizie, ma che a àn dome tante voie di vivi, di gjoldi, magari spielantsi, se mascjo, tai voi di une biele fantate, di cuintri in chei di un fantat.
Chest al è amôr, e no dome par brame di gjoldi, ma par desideri di vite, par voie chel mont al ledi indenant.
Dome cussì la storie a continue, a cjape colôr, e a nassin canais.
Le prossime volte che tu ti fasis il segni di crôs, disubidìs a ce che ti veve, di frut, insegnât puare tô none. Une volte slargjade la man a drete e a çampe no sta fermâle sul pet, slungjile jù fin tal cavalot.
Cumò lu disin ancje i teolics e planc, planc, che ancje chê e je gracie di Diu, lu capissaran ancje i predis. E là adalt si convinçarà ancje il puar San Pauli, puaret che in te vite si è propit sbaliât. Mancul mâl che Diu al è grant e lu à perdonât.
E cui sa, se cumò di la sù, ancje lui, no si spiele tai voi di cualchi Sante fantate, sintint fin te schene sgrisui di vite, il trim dal amôr. Chei sgrisui, chel trim che mai di vîf al veve provât. Son sants ancje chei.

di Nello Malisano

4 coments:

Anonimo ha detto...

A si conte che lis maris plui bigotis, a i peassin lis mans daûr de schene a lis fantacinis prin che lessin a durmî. Nuie robatis, ma nancje segni di crôs. No sdrondine ma nancje muinie. Robis di une volte che cumò a fasin ridi. Biele testemoneance Nelo. Bepi

Luciano Marinig ha detto...

Biele la conte Nelo,spassose,tripudiche e gjubilar.Scomençarai cul diti che" cjar di vedrane e di vedran,no le mangje nancje il cjan".E dopo la cros no è simetriche, sa vin di tocja lis cuatri pontis le man e scugne la ancje sui stabiliments di creapopoli.

Giovanni Nello Malisano ha detto...

Bepi e Luciano, simpri pronts a preseâ il lavôr di dutis lis contis, il lavôr dal umil scritôr che si è lambicât, peraule dopo e peraule tal so componiment. Meretais par dabon no un tai, ma une butile. Se us cjati te ostarie di contecurte, Diu mi mandi un colp se no tonarês a cjase cjocs.
Graciis

Anonimo ha detto...

Nelo, viôt ch'a tu riscjis di disvuedâ la cantine di Gelo par mandânus a cjase cjocs. Bepi

O varès alc di dî

Ti sêstu visât di firmâti? :)