mercoledì 20 gennaio 2016

Il sondagjo



Stiefin al ero strac sfinît, e a nol jodevo l’oro di lâ a cjaso. Ai fasevo mâl la scheno che ai jessivo a sbufs dai bregons elegants - colpo dai chilos di masso e dai agns di masso - e al ero stuf di tabajâ cun la int par vuê. Al vevo uno fam nero e voio di sierasi a cjaso a instupidîsi di vecjos films. Ma al vevo di fâ un ultim sondaç a un cualche gioven di cui sa dulà e al vevo di fâse passâ. Amen.
Il gioven in cuestion al ero entrât da la puarto in chel moment, puartant tal so ufici meticolosamentri ordenât uno vintado di sudôr di ascelo e di profum scjadent. Al vevo di vê uno etât indefinibil tra i vincj e i vincjecinc, nencje contant i bruscs come i anei intun arbul, e al ero altretant impazient di lâ vio prin pussibili.
“Buongiorno, è lei il signor Stefano A.”? al vevo det cuntun acent stuart fuartissim - ah ecco. Un vignût jù de mont - dai - come campion al sarà siguramentri interessant.
A lu vevo cjalât par un moment in silenzio prin di rispuindi: apatic, bruscôs, encje lui sorepês, cuntuno specie di banano orendo di cjavei riciots sù pal cjâf.
“Sì” al vevo rispuindût cun afetazion, freansi lezermenti las mans “sì, buongiorno. È qui per il sondaggio?”
“Eh, si po” al vevo det sentansi cenço nencje la creanço di spietâ che Stiefin jel domandàs “la mia insegnante a l’università mi à detto che lei fa sondaggi”.
“Se al vôl” al vevo soridût melifluo Stiefin “i podìn tabajâ par furlan”.
Chel ati al vevo riduçat planc “Ah per me è compagno, se le fa più piacere volentieri. Bon. Ce êsel chest sondagjio aloro?”
“Jê conoscie uno rubo che si clamo Netflix?”
“Netflix?”
“Sì, mai sintido nomenâ?”
“Mmm, forse, ce êse?”
“Ah, uno television digjtâl”.
“Hm”.
“Sì, i varan di vierzi chesto television in Italio l’an cuven, e jo i stoi fasint sondagjios par la DemoVox par savê i guscj dai consumadôrs”. A nol vevo voio di dâ masso spiegazions a chest piscuan, al vevo voio di mangjâ e lâ a cjaso, ma dai, tainlo curto.
“Duncue: ce si clamie jê?”
“Filippo Romani”
“Okay. Paîs?”
“Valstuarto, Cjargno!” al vevo esclamât felic. 
“Okay, jê e cjalo un grump di television?” al vevo det passantsi uno matito su las moschetos sotîls.
“Sì sì, un grump. A Udin no 'nd è nujo ce fâ”
“Jai capît. E discjamo encje serie tv da internet?”
“Ehm” al ero diventât ros.
“Ca no si stedi a preocupâ” al vevo riduçat di mistîr “no soi da la polizio postâl”.
“Sì, okay, sì” al vevo det sbufant.
“Eco, chi al divento impuartant pal nestri sondaç: ce gjeners?
“Mmm, bon, machenos, aventuro, azion, horror”.
“Arts marziâls?”
“Sì, bon, ogni tant, masso int che a svualo” al vevo riduçat gofamentri “po son cinês, intato!”
Okay, il piscuan no i plasevo par nuio ma al vevo premuro di finî e di mangjâ.
“Cuindi horror tipo ce?” Si ero alçat da la scrivanio, stant atent a no turbantint l’orden maniacâl, zirant ator di lui ma par nuio incuisitori.
“Ih po, stessos rubos di simpri: zombis, vampiros, strios, lupos manaros”
“Okay, cuindi se al ves di fâ un orden tra i gjeners di horror preferîts ce orden daressial?”
“Mah” al vevo det il piscuan cjalant adalt apatic, cuntuno flemmo che al sameavo di jodi dôs rondelos ruzinidos zirâsi cun fadio uno cun chê altro “par prins disares i zombi. Son fuarts i zombi!” al vevo det entusiastic “I fasin duto uno cagnaro. Dopo” al vevo det cuntuno altro pauso “i metarès las strios, che i fasin i incantesems. I lupos manaros tierç, che i fasin un pôc ridi, i sameo cjans”.
“I resto par ultims i vampiros” al vevo det segnant cuntuno matito suntun sfuei “cuindi”
“Ih bon, i vampiros mi fasin peno. I son uno rubo di giovenutos che i si cjalo chests stupits petenâts e lucicants, ma a e j’è veramentri duto uno stupidagjino, manichins impomatâts. Robas di fenoi” al vevo det, frenant il so entusiasim cjalant Stiefin, e domandantsi par un lamp se il siôr cincuantenne di front di lui al fos un fenôli.
Ma Stiefin a nol sameavo vê vût uno cualche reazion, anzi.
“Ma cuindi segont jê encje par la sô fascio di etât i vampiros i no son credibii?”
“Mah, no, no! Tra noaitis giovens si sa che son uno recito par frutos. I vampiros son propri uno stupidagjino di….”
Stiefin lu vevo muardut tal cuel. Plui precisamentri tal spinâl. E i dincj di vampiro di Stiefin i no ero rafinâts e curâts canins, ma un unic dint grez, sbusât tal mieç par supâ il sanc e encje la miola spinâl, ripugnant come il bec di uno moscjo. Il piscuan al vevo vût dome un sussulto, colant come un sac vueit su la poltrono intant che Stiefin al completavo il so past.
Il dint a si ero ripleât tal palât tant che lui a si suiavo i lavris. Al ero stât imprudent, ma al vevo veramentri, veramentri fam. A non podevo plui. E chest stupit al ero un tabajon. 
Però, inmò un viaç, al vevo di ringraziâ Twilight, Buffy e The Vampire Chronicles: cuntun marketing dal gjenar nissun al vevo plui veramentri pouro dai vampiros.
Bon par lui.
di Fulvio Romanin

2 coments:

Anonimo ha detto...

Fulvio , a tu âs fàt un câs di cemût ch'a nus infurdùcjn il cjâf cui sondais, e po a ti dîs che la to " lengo " a mi plâs un grum daspò vele lete un pâr di voltis,

Anonimo ha detto...

a mi soi dismenteât di firmâmi, Bepi

O varès alc di dî

Ti sêstu visât di firmâti? :)