venerdì 1 aprile 2016

Nando, la bolp dal pinel


Nando pitôr al veve nomine e snait di savê ben messedâ pinel e colôr. 
Un dì un plevan di un paîs da la basse lu clame a pitâ un crist su la crôs, e par davuelzi chê vore oltri il dovût onorari i da lozament fintremai a lavôr finît. 
Il contrat al fo fat e Nando al scomence il lavôr dopo vê garantît cun tendis e linzûi a scuindi il mûr de glesie, che nissun al veve di viodi.
Nando al piturave, ma no cun trop gust; no pal lavôr, ma pe monotonie dal past, fertaie cu le cevole a gulizion, fertaie cu le cevole a misdì, al replicave mirinde e la cene e tornave cussì. A corevin i agns dibot subit vuere, e la perpetue si scusave, che di altri nol jere, cussì Nando, pazient, al mangjave chel pôc passât dal convent.
Finalmentri il lavôr al ven concludût e domenie in gran fieste al sarès stât presentât.
Sindic, fabricîrs, bande paesane, president di latarie, sunadôrs di cjampane… al rive il moment di scuvierzi il lavôr.
Al tîr di une cuarde al cole jù il covertôr, ducj i presints a mugugnin, nissun bat lis mans… 
Ce jerial sucedût?!
Il signôr al veve il cjâf pleât dut in bande, e plui che une espression di dolôr al pandeve muse di disgust e riviel, come stiçât di un cjatif odôr!
Il plevan dut scaturît al domande a Nando spiegazions… 
“Siôr plevan”, al dîs Nando, “Fertaie e cevole a matine, fertaie e cevole a mieç dì, fertaie e cevole a cene, al è normâl che il respîr dal pitôr ai vevi dade che pene!”
di Luciano Marinig

5 coments:

Anonimo ha detto...

Lussian, brâf. Une conte no dome ben poiade, ma ancje gustose Pecjât che la santitât e puce di cevole.
Nello Malisano

Galliano ha detto...

Al pararès che par fâ alc di biel no dome bisugne vê il cjâf ispirât e a puest ma ancje il stomi. Si viôt che la perpetue dal plevan no veve masse ispirazions par preparâ alc di bon cui prodots dal pulinâr e la cevole dal l’ort.
Biele conte

Yaio ha detto...

Ah, a part le conte ben tirade che a sà di conte populâr, sul fat di jessi un bon pitôr Leonardo al a scrit che al bisugnave vê talent e... un pôc di fan.
Jaio

Luciano Marinig ha detto...

Nelo,Galiano,e Yaio,pilastris di contecurte, che no faseis dismentie di dà une pache su la spale di ogni contecurtar,un graçjs di cur no pal judizi, ma par no ve smenteat il vuestri pais.Lussian

Pauli Jacus ha detto...

Lussian, ancje Giotto par jemplâ la panze al puartave a passon lis pioris. Deventât famôs po al à molât lis pioris cu la lane par chês cul pêl, di sigûr cun plui sodisfazion.
Siche duncje, a son tancj i artiscj che in vite no le an tant grasse e a baratin l'art cul mangjâ. Cualchidun al à simpri profitât di chestis situazions, fasint i bêçs sui puars artiscj.
Biele la conte.
Mandi

O varès alc di dî

Ti sêstu visât di firmâti? :)