venerdì 6 maggio 2016

Il câs dal curtìs insanganât


A jerin cinc e mieze a matine cuant che il Comissari Rocheton al veve viert cun fuarce la puarte da la ostarie.
«Dâmi une striche di peçot, ostîr. Dongje l'ôr da la strade o ai cjatât un curtìs insanganât. Clamimi ancje Spilot. Cheste volte il câs al è une vore serio».
Nancje une ore dopo, Spilot e Rocheton a jerin ator da taule. Ducj e doi a cjalavin il curtìs.
«Uhm... La robe no mi plâs, Spilot...», al scomence Rocheton «Chi cualchidun al è stât copât. E cumò ti conti ancje cemût che à je sucedude: un om al cjaminave su l'ôr da la strade. Rivât su la curve, al è passât dongje da cise, indulà che al stave platât il sassin. Chest al è saltât fûr e di daûr lu à curtissât. L'om al è colât muart. Po dopo il sassin al à strissinât il sô cuarp e lu à butât in cualchi rivâl. Nissun al à sintût nuie, parcè che l'om nol à vût nancje il timp di tirâ flât. Dut al è stât une vore svelt. Nô cumò o vin di cjatâ il rivâl e ancje il sassin!».
Il comissari al viodeve la muse di Spilot un pôc strambe.
«O viôt che non tu sês convint. Alore ti sclarîs. Il curtìs al è plen di sanc e sul mani si sint un fuart odôr di orâr, come chel che si cjate inta cise su la curve da strade. Chest al mostre che il sassin al jere platât dentri la cise. Cun di plui, là che la cise à finis, si viôt su la tiere la stampe di un om grues e si viodin ancje dôs riadures, come doi agârs. Si capìs che il muart al è stât strissinât vie, viers cualsisedi rivâl e butât jù!».
«Ce storie ingropade...», al dîs Spilot. «E se invezit al è il curtis di un purcitâr, ancjemò sporc di sanc che al stave tornant cjase po dopo vê copât un purcit e salocor fate fieste? Si sa che i purcitârs a doprin l'orâr par insaurî la cjar e chest al mostrarès l'odôr sul mani dal curtis. Plen di vin il purcitâr si è fermât dongje la cise e al è colât. Po dopo al à cirût a gjat il curtis. No lu à cjatât e al è lât vie.»
Nancje finît di cjacarâ, si sint tucâ intor da puarte da stanzie. Al jentre l'ostîr.
«Comissari, di sot al è rivât Bepo, il purcitâr dal paîs. Mi domande se o ai cjatât un curtìs e o ai pensât a lui...».
«Spilot...», al dîs Rocheton, «Eco, sberdeât il câs dal curtis insanganât».
di Massim Furlan

3 coments:

Yaio ha detto...

Po ben,al é il câs da dî che se tu âs sfuarç$at le puarte de ostarie par entrâ in Contecurte, tu âs cjatât subite il to... puest. Benvignût!

Anonimo ha detto...

Massimo dopo lis tos dos simpatichis contis, jo disaress di cambia il non dal maresial rocheton in cjocheton,prin cal cumbini altris cjastroneriis di so fantasie,lu salve sol il fun de ostarie sot il sio apartament indula che al è a sta. Lussian

Anonimo ha detto...

Massim, Rocheton e Spilot a mi fasin vignî iniment il Comissari Bafeton e l'investigadôr Surisute. A tu âs metût in pîts une serie une vore simpatiche, ch'a val la pene di puartâ indenant.. Bepi

O varès alc di dî

Ti sêstu visât di firmâti? :)