domenica 17 luglio 2016

La strie di Basandiele


A Basandiele dal Cormôr al jere, e al è inmò, un mulin a aghe. Une roie che e ven jù di Udin e sburtave la ruede fasint movi la muele par masanâ la farine.
Al jere il timp des Striis e dai Benandants, che si sfidavin tai prâts a colps di cjanis di soròs e di macis di fenoli. Un an però la Strie di Basandiele e veve tal cjâf no dome il destin dai cjamps, ma alc di ben plui penç: e veve voie di vendi il paîs ai Siorats di Udin.
Il so dissen al jere clâr: e varès striât la muele dal mulin che, masanant la farine di dut il paîs, e varès puartât la maledizion tal pan di dutis lis fameis di Basandiele, che cence rindisi cont a varessin vût di firmâ i ats di cession.
Ma il mulinâr al veve nasât alc di strani: la puce di stiç i veve fat spiçâ lis orelis e cussì, invezit di lâ a durmî, chê gnot al veve decidût di platâsi daûr dai sacs de farine, spietant. Taronde come un formadi tal cîl, la Lune e inluminave il Cormôr, la roie e i prâts dulintor. Di daûr dai sacs al viodede pal barcon e a colp une figure nere i passà denant une prime volte. Dopo cualchi moment la Strie e rivà a jentrâ cu la scove, fermantsi a mieze altece propit devant de muele.
Il mulinâr le cjalave e al sintive a glaçâsi il sanc, ma al rivà a mantignî la calme.
La Strie e smontà jù de scove, movint lis manatis ingrispadis: e veve scomençât il rituâl dal striament.
Patapunf! Il mulinâr al veve molade la cjavece e il sac di clapons, che al veve preparât juste parsore de muele, al fruçà la Strie. Nol jere sigûr di vêle copade e cussì le leà tor de ruede dal mulin, fermantle cuant che il cjâf de Strie al fo dut sot aghe, lassantle cussì fin tal doman.
Cul cricâ dal dì il cuarp de Strie si sfantà intun grant nûl che al puçave di solfar: il paîs al jere salvât.
Di in chê volte no si à plui sintût a fevelâ di striis ad ôr dal Cormôr, ma ogni tant, dopo dal burlaç, cuant che la roie dal mulin si sglonfe, un odôr di ûf clop al rive fin in place a Basandiele e di lontan si sint a ridi une vecje...
di Christian Romanini

4 coments:

Giovanni Nello Malisano ha detto...

Cheste e je une biele flabe di contâ soredut ai canais. Jo che par cjase no nd ai e lore je contarai a le mê parone di cjase. Brâf Christian.

Anonimo ha detto...

Al è di sigûr il mulin jenfri Sant Svualt e Basandiele, al è tant timp ch'a no passi par lì ma la puce di solfar ma la visi ancjemò... Christian a tu 'nd âs di sigûr ancjemò di contâ...ce spietistu, Bepi

Christian Romanini ha detto...

Mandi Giovanni, grazie :)

Christian Romanini ha detto...

MAndi Bepi, grazie :) pes prossimis... un tic di pazience :) o viodarai di procurâ :)

O varès alc di dî

Ti sêstu visât di firmâti? :)