lunedì 8 agosto 2016

La ore di religjon

Fruts juste fûr des Elementârs, agns trente di chel altri secul, cricâ di frêt tes stanzionis dal seminari a Udin, jevantsi denant dì a cjapâ messe e dopo svelts in refetori a fâ di gulizion, dute une file ferme denant de puarte dulà che ju spiete, un dal un, a fâi la riverence, il retôr te sô gabane nere, cul cjapiel in man denant de panze, seri, gobut e fer come di zes. Ogni dì chê solfe.
“Fin che mi à vignût sù il gri, une matine, di butâi une palanche tal cjapiel” dissal, cu la sô luciferine ridadute, il gno insegnant di religjon in timp dal liceu ‘Stellini’, che mi à compagnât pe strade di un pinsîr religjôs plui razionâl di dogmatic, plui libar e tolerant di sierât, plui legri di suturni, biel che al leve sù e jù pe aule sclopetant lis tiracjis des braghessis sul gjilè e ogni tant fermantsi, dut ispirât, a contânus de sô bressane tal folt parsore Montenars.
Spirt furlan todesc te ande, te formazion, te culture, pes peraulis, pe linie dal pinsîr, pe cjarie passionâl, ancje par chel dêt di teatralitât che lu compagnave (colbac fracât sul cjâf co al rivave, sigar in bocje, nancje pensâsi di gabanis) nus faseve strade tes grandis cuestions de condizion umane.
O ai tes orelis e tal sintiment la pensositât de sô vôs tal proferînus la peraule ‘Weltanschauung’, cjalcjant su la seconde A, come in spiete di une rispueste aes grandis domandis de umanitât (Cui sino? Dulà lino?), poiantsi sui libris de profezie ebraiche e cristiane, ma in scolte ancje di ogni grande vôs passade pe vie dal intelet te storie de umane sapience.
“Dôs robis mi cjapin dute l’anime: il cîl stelât parsore di me e la leç morâl dentri di me” si consolave, pensantsi di Immanuel Kant.
Agns dopo, o ai tornât a viodi une ultime volte a Montenars chel gno lontan insegnant di religjon. Plet sui libris, sentât te sô cjasute di len prefabricade, al voltave il Messâl de Glesie in marilenghe, intant che al jere passât in chel pes stradis dal Friûl il taramot.

di Ivano Urli 

8 coments:

Anonimo ha detto...

Pre Checo Placerean,pre Pieri Degan,Pre Toni Beline, personaçs che no tornaran mai plui,l'amor pe glesie, pe piçule patrie,e i prins doi ancje pe oselade. Un ricuart un grun biel Ivano, su di int che no va mai dismenteade. Lussian

Anonimo ha detto...

Lussian jo o ài cognossût un pre Primo Degano ch'a mi à insegnât par prin a lei il Capitale di Karl Marx ,,, viôt tu,, Bepi

Anonimo ha detto...

Bepi,no al è che no sedi dutrine ancje che.Mandi Bepi e buinis feris. Lussian

Giovanni Nello Malisano ha detto...

E no podin dismenteâ David Maria Turoldo, Gilberto Pressacco e altris predis furlans che no mi vegnin iniment che a àn fat onôr a la glesie e al nestri Friûl. Biel ricuart e scrit intun biel furlan. Gracie Ivano. Bepi mi fâs plasè che ancje tu âs let il Capitale di Karl Marx. Un di chei pôcs libris che us insegnin che dut ce che al vâl in chest mont si lu fâs dome cul lavôr. Pecjât che dut al devente marcjanzie, robe di vendi sul marcjât dai imbroions. E magari cussì no ancje il stes lavôr che al varès di jessi venerât e rispietât.

Anonimo ha detto...

Nelo a proposit va ju insomp di che rie chi fincuant tu cjatisFEDERICO TAVAN poete original, sgarfe intal sito fintremai tu cjatis lis sos poesiis.Mandi Nelo

Anonimo ha detto...

Nelo lu astu cjatat? cjale a la destre di chest gno scrit, che foto cul font in font ros. Lussian

Giovanni Nello Malisano ha detto...

Lussian,lu cognoss Federico Tavan e mi plasin lis sôs poesiis. Mandi

Giovanni Nello Malisano ha detto...
Questo commento è stato eliminato dall'autore.

O varès alc di dî

Ti sêstu visât di firmâti? :)