venerdì 23 settembre 2016

No plui nô


Dopo tancj agns passâts cun jê, pierdût come che no jeri mai stât di nuie e di nissune prin, o jeri content di vê almancul un pont fis te mê vite. Par me e jere dolce e fofe tant che un pic di garoful che al cambiave dut ce che mi capitave intune tonalitât pastel. O jerin tant diferents, ma par chest si strenzevin in ecuilibri, o jerin un struc di oposizions tant biel, ma tant facil di rompi. O vevin un sintiment inocent e fuart, di fruts, che no sai se al tornarà mai a fâsi viodi des mês bandis, stant che le sintivi come un gno orghin vitâl.
Intun lamp e je rivade une tampiestade di lagrimis.
Sô mari e murì. E jere une femine che mi dave simpri il bon acet a cjase sô, mi faseve mieze muse di ridi e, si ben che o jeri l'ultin rivât, mi voleve ben te maniere plui furlane che e je, ven a stâi cui fats e no cu lis peraulis. O cjatavi une altre cjase vie di cjase. Cul so fâ mai content, a ore di cene mi diseve: “Vuê tu colis mâl.”, “O ai pôc.” o ”Nie bon, nie bon.” Dut chest al jere aromai une tradizion legre, come intune comedie là che ancje se lis mascaris a tornin a ripeti lis lôr parts di agnorums, i atôrs no molin mai di gjoldise. E doprave la stesse maniere di fâ, ma cuntune ponte di severitât che cun me no veve, ancje cu lis dôs frutis che e à finît di tirâ sù di bessole.
Dut chest al finì di bot te criure di une matine di Dicembar.
Dopo tantis lagrimis, tal moment di cirîsi, si son fatis viodi lis bausiis, soredut sôs, e ancjemò altris lagrimis, ma cheste volte soredut mês.
Cussì mi cjati di bessôl cu la scovacere plene di sclesis di cûr. Ancje se no dovarès, mi domandi cemût che e sarà jê cuant che chel che si le à puartade vie nol sarà plui une novitât. Ma chescj a son resonaments che a fasin dome chei che ur ven consegnade la scovacere in man.
La vite e je licuide, e cambie simpri, si môf, e tancj mi disin di no vê pinsîrs, che dut al à di passâ. Al è vêr. Un si piert ingusît a fâ i conts cul Karma, sperant che cualchi fuarce e rivi a meti un pês sul plat just de belance. A soreli jevât a disin che cuant che un uciel al è vîf, al mangje lis furmiis, ma cuant che l'uciel al mûr, al ven mangjât des furmiis: pa nô, che no sin plui un “nô”, la spere dal timp e à ancjemò tante strade di fâ.
O cîr di no domandâmi cui che e jere chê anime che o ai vût dongje di me par tant timp, une che vuê no capissarès plui. Se l'aiar al è fuart, al siere i barcons, no si pues cjapâse par chest. Cussì o capìs che ancje l'amôr al à di finî e no si pues cjapâse. Lis bausiis dut câs, mi fasaran simpri mâl.
Dopo de tampieste, al varà di saltâ fûr il soreli ancje par me.


di Michele “Vuardianut” Calligaris

8 coments:

Anonimo ha detto...

Tal auguri il Soreli Michêl, ch'a tu lu meretis sedi tu o ben il to personaç. A tu âs un mût une vore biel di scrivi i sintiments che la marilenghe a lu esalte. Brâf, Bepi

Anonimo ha detto...

Sta trancuil Michel,il soreli al è za saltat fur par te,al sta dentri le biele conte che tu as fat, lusorant il contignut dongje un biel scrivi. Lussian

gelo stellato ha detto...

ma insome... no je mica dite che e à di jessi una conte autobiografiche o ancje dome une conte sucedude :) ;) si no chei che a scrivin contis di sassinaments... :D Brâf Michêl! e je ore di tornâ a vioditi in ostarie.

Diego Navarria ha detto...

Un biel scrivi pardabon. Brâf!

Galliano ha detto...

"Vuardeanut"
Biele e profonde. Mi fasè pensâ. Mi plasin lis contis che daspò di velis letis tu sieris i voi e tu continuis a leilis.

Giovanni Nello Malisano ha detto...

Ben scrite. Ma lis bausiis no lis contin dome lis feminis. Forsit covente lâ indenant cu la conte.

Pauli Jacus ha detto...

Michêl, che a sedi autobiografiche o no, dut câs i tu âs piturât ni vore ben un fat che al po' jessi sucedût cuissà tropis voltis e cuissà a cetante int. Une robe e je sigure, cui fats di cûr bisugne tignî simpri lis orelis spiçadis, a dutis lis etâts; no si sa mai.
Mandi

Anonimo ha detto...

Brȃf Michele,
une conte biele tant che poesie, tu ȃs une scriture che e cor come la aghe clare, continue a scrivi indenant. Un sintiment che al mȗr al lasse il savȏr di un ricuart amȃr come un lumin che al treme propit sore dal cȗr e che planc a planc si distude.
Tu ȃs savȗt presentȃ un cuadri di estreme emozion, un mont di sintiments cui colȏrs
di une anime sensibile.
Mandi
Egle T.

O varès alc di dî

Ti sêstu visât di firmâti? :)