giovedì 29 settembre 2016

Sassins



Brame di ses, di gjoldi, di strenzi alc che al nuli di femine, di pêl, al jere il pinsîr che al tormentave in chê zornade tant cjalde chel mat di Fabio. 
La fisse di doprâ une fantate i sbateve dentri tal cjâf come il sunsûr dal bandarot picjât inte code di un gjat spaurît, che al scjampe par podê liberâsi. Puar Fabio, di chê fissazion nol rivave a parâsi. Forsit parcè che, di cuant che al jere frut e i vignive la voie di une robe, mai che nissun i ves dite di no, soredut sô none e sô mari che lu vevin viziât. 
“Sì, cu la machine… cu la machine... o voi cu la machine… tant il puest al è dongje. Passât il paîs nol covente lâ tant lontan, baste lâ un pôc plui indenant dal puint dal Tiliment – al cisicave fevelant di bessôl. Daspò bastin vincj euros, e li a 'nd è tantis… e di sigûr, se no je une, sarà chê altre a dimi di sì.” 
“O ai di spreçâmi di chest desîr che mi sfibre, mi stice” - si ripeteve Fabio, che a viodilu cun chei voi di fûr e cjapât di tante smanie al someave un spirtât.
E si che al jere un bon frut, mai barufât cun nissun, lassânt sta cualchi cjoche, nissun tal paîs al podeve disi nuie di lui. Une vite, la sô, ancje se cree, fate dome di lavôr. Passions? Dome chê dal balon.
Cressût, come che Diu comande” - e diseve sô none – tal timôr di Diu”.
In chel timôr che fin di piçul lu veve spaurît. E che cumò che di bot si faseve om, par lui al jere un torment. Soredut di cuant che là sot, ancje a lui, i jere cressût il pêl.
Un pêl malin, preludi di chês bramîs, di chês voiis, che di lôr nissun al rive a parâsi, soredut se si trate di feminis.
Propit come che a disevin simpri sô none e sô mari, convintis che la colpe di ducj i pacjâts e fos Eve cun daûr, dutis lis fiis.
Lu diseve ancje il predi inte glesie, contant la storie di Adam: ancje lui colât inte tentazion propit di Eve che e steve cun lui. 
A Fabio, biât, mai nissun i veve insegnât che chê gracie che i oms a àn dongje di lôr e je come la Vierte, la tiere: mari di dut ce che al nas e prime di dut dal amôr. E che al baste spielâsi tai siei vôi magari slungjânt sul so cuarp une cjarece par sintîsi beâts. 
Intant cu la machine, Fabio al jere rivât oltri il puint e finalmentri al cjaminave sui claps blancs come cjalcine, saltant ogni tant cualchi poce indulà che il soreli al lusive come i voi neris di chê biele fantate che al tignive pe man. 
“Daûr di chel sterp o ai di puartâle, là o pues disvistîle, discrotâle; o pues strenzile chê scrove, chê putane e gjavâmi il caprici”. 
Cussì, sot chel soreli, di chê cise, nol è lât vie tant timp a di lunc, che e vignis fûr une vaiude scjafoiade, un lament di une femine che si scuindeve sot la vôs di un om che la maltratave.
Fossial bastât. Su chês pieris che a fasevin di pedrât al sbrissave vie planc planc il sanc vîf di chê riçote fantate che vendeve il so cuarp.
Ma ce jerial sucedût jenfri chei baraçs e chês pieris tant duris? 
Fabio, di sigûr, chê cjalde frutate no le veve cjalade tai voi, provât a bussâ la sô biele ridade. 
Al veve cirût dome il so pêl, il so ses, il so vizi, indulà sfogâ fûr lis sôs bramis, la sô voie stuarte di gjoldi.
Puar Fabio, invezit de gjonde al veve cjatât il so infier, viodût chel demoni che sô mari, sô none e il predi che lu confessave i vevin, fin di piçul, metût in tal cjâf.
Sot sere, dai barcons su la strade che e jentrave tal paîs, si sintive di lontan il sun de sirene de machine dai carabinîrs. Fabio za di cualchi ore lu vevin metût in pereson. Cumò a lavin a cjoli chês dôs feminis e chel predi che invezit da bielece dal amôr, a chel frut, i vevin fevelât dome di demonis e di pecjâts.
di Nello Malisano

8 coments:

Anonimo ha detto...

Nelo,purtrop e sucedin tancj cas dal gjenar,un materialisim dut sbaliat indula che tancj di lor no si rindin cont che le femine va cortegjade prin cu le anime e dopo cul rest,in sintonie tra ducj doi. Lussian

Anonimo ha detto...

Nelo, tu la âs scrite cu la pene di Sandri Manzon, cuant ch'al fevele da la "Muinie di Monze". Je e il sô soci in afârs sessuâi a an copade e sepulide la nuvizie, ch'a saveve dut, ta un cjamp lì dongje...Bepi

Mel Festor Lidiana ha detto...

jo o ai vûd plui fortune... in privât ti conti se ti interès

Galliano ha detto...

Une scritore e religjose messicane nassude tal 1600. Sor Juana Inés de la Cruz,
e scriveve une poesie, chest al è il prin viers:

"Oms balorts che o incolpais
ae femine cence reson
cence viodi co sês la ocasion
dal fat che o censurais."

O podin dâsi cont che daspò che il mont al è mont, la violence cuintri il gjenar feminin al è simpri stât un probleme struturâl e sociâl che al va dilunc la storie.
No podarino cambiâ la storie?
Mandi


Tiziana Novello ha detto...

o soi inmò stupidide. Biele conte Nelo, compliments
Tiziana

Pauli Jacus ha detto...

Nelo,
chest delit al varès di jessi su la cussience di chei (vistûts a neri), che par secui nus àn fat viodi il ses come pecjât e no come une gjonde (don di Diu) che a ten dongje la famee. Jo la viôt cussì.
Dut câs, storie ben contade.
Mandi

Barbara ha detto...

ninin e brâf il gno scritôr
o 'nd ai let la tô conte...Mi soi sintude il stomi strent intune smuarse, ogni peraule e jere une sgrifade a l'anime, al sintiment, a cemut che al varès di jessi il sentiment da l'amôr, il regâl de vite che al è il fâ l'amôr...Scrite ben, t'al disin ducj chêi che ti scrivin, dure, une vore dure di parà jù parcè no ti rimbambis di bebelos, ti sbat in muse lis peraulis e lis senis fasinditi sintì tu istesse la femine vitime dal mâl. Chest al è chel che o 'nd ài provât intant che la leievi. Mi plâs cemût che tu le às scrite, brâf a fâ provâ emozions a cui che ti lei: tancj compliments par vê frontât chest argoment cence ipocrisie.

Giovanni Nello Malisano ha detto...

Us ringracii ducj pai vuestris preseaments. Tiziana, Barbara, Lidiana, Bepi, Lussian, Galliano, Pauli un par un

O varès alc di dî

Ti sêstu visât di firmâti? :)