venerdì 11 novembre 2016

La svearine



“Cui aial tocjât la svearine?”. La vôs, zigade di gno pari, e rimbombe in dute la cjase. La svearine no veve sunât e gno pari al jere in bestie. Par fortune che lui al si svee di bessôl prin che la svearine e suni, che se no al sarès rivât tart a vore, e a saressin stadis rognis cul paron. Denant dal cafelat, i voi di gno fradi, mê sûr e mê mari a jerin ducj su di me; nome jo, che o metevi lis mans dapardut, podevi vê cumbinât chê malefate. E jere vere, o vevi zuiât jo cu la svearine e forsit o vevi rote la suste de campanele. Cence volêlu o vevi metût in tai fastidis la magre culumie de famee. Subit dopo la vuere, in cjase a ziravin pôcs bêçs, a 'nd jere juste avonde par tirâ indenant e si scugnive stâ ni vore atents a spindi. Mi met a vaî disperât, e gno pari mot a compassion, al cîr di cuietâmi: “Co torni di vore o voi dal siôr Venanzio, e ti puarti cun me”. Sot sere, metude la svearine intune borse, si va dal siôr Venanzio, l'orloiâr. Lui al à il so stanzin in chê androne strete e pôc inlusorade, che si cjate daûr de glesie e, come reclam, al à picjât un grues orloi di len, sore de puarte. De vetrinute, plene di orlois e di sveis di dutis lis fatis, si viôt dentri. Siôr Venanzio, vecjo e cuntune barbete blancje di fâlu someâ a une cjavre, al sta lavorant suntun orloi. Jentrìn e gno pari, dopo vê saludât al tire fûr la svearine e i pant la malefate che o ai cumbinât. Siôr Venanzio mi da une cjalade grivie e po al cjape in man la svearine. “Aio di lassâle achì?” al fâs gno pari, forsit par fâ capî che la svearine a cjase nestre e covente ni vore, e siôr Venanzio, che al capìs la situazion: “Spiete achì che o viôt ce che al è rot” e sentât al so bancut la smonte.
Gno pari al è in pinsîr e al spere che nol sedi di spindi tant e jo, displasût e cul cûr in man lu cjali, cui voi lustris.
Intant che l'orloiâr al lavore mi cjali ator. La stanziute e je plene di orlois di dutis lis fatis, picjâts sul mûr. Mi incuriosìs un orloi di len fat a cjasute e cun doi pendacui che i vegnin fûr par sot. No vevi mai viodût prin un orloi a cucù. Po mi cole il voli suntun grues orloi dentri un armarut di len, poiât sul paviment. La barconete di veri e lasse viodi un piçul plat dut lustri sot di un baston. Chest plat al va di ca e di la, cence fermâsi mai. Gno pari, sotvôs, mi dîs che al è un orloi a pendul, “Robe di siôrs”. Siôr Venanzio, lavorant al scolte e i scjampe une riduçade, po si zire e cun la svearine in man: “Ten ca mo, nol è rot nuie, si jere nome incjastrade la suste” e po cjalantmi cuntune muse dolce dolce: “E tu no stâ plui tocjâle, sâstu?”. Siôr Venanzio nol vûl fâsi paiâ par il lavôr e o tornìn a cjase, contents ducj i doi di no vê spindût nuie.
La svearine no le ai plui tocjade, ma ogni volte che mi cole il voli su di jê o pensi a siôr Venanzio. No dismentearai mai chê muse, di om vieli e di bon cûr, che Diu lu vedi in glorie.

di Pauli Jacuss

7 coments:

Anonimo ha detto...

Bielissime conte. Brâf Pauli che le à scrite.
Nello

Pauli Jacus ha detto...

Ancje jo o zuiavi cun la svearine, di frut, ma no le ai mai rote. Che al sedi stât Bepi a rompile?
Cuissà.
Mandi

Anonimo ha detto...

Pauli, a cjase me o vevin une svearine come che de figure, ma al funzionave nome il gjal che cuant che si rompeve al finive in padiele. Bepi

Anonimo ha detto...

La curiositat di capi dentri il so funzionament lu à puartat intal dopo a davuelzisi pe radio,mandi Pauli.Lussian

gelo stellato ha detto...

Nelo le à brincade subit! ben fate, Biele conte Pauli!

Pauli Jacus ha detto...

Gracie a voaltris che o veis preseât cheste conte.
O voi zontâ che ogni tant mi plâs tirâ fûr cualchi ricuart di co jeri frut, magari cuinçât cuntun pocje di fantasie, che no mi mancje. E po mi plâs scrivi, soredut par stiçâ i amîs (e 'nd ai tancj) a lei par furlan. O soi sigûr che al sedi une buine maniere par tignî lis rudielis in moto.
Tornarin su chest argoment.
Mandi

Barbara ha detto...

Bielone la tô conte Pauli! Il gno om a mi conte dispes di so nono e dal ben che j voleve. Une sere lu 'nd à lassât dismontâ une svearine che no cjaminave plui e.. a la fin il bintar di frut j à dite al nono: "Veh chi, nono..a mi son vanzâts chêi tocs a chi..."

O varès alc di dî

Ti sêstu visât di firmâti? :)