lunedì 13 febbraio 2017

Ai miei timps e jere la ricreazion


Ai miei timps e jere la ricreazion, ma ancje il corîr...
E rivave, simpri spietade a voltis propit secont dopo secont parcè che podeve salvâ ancje di une interogazion no programade e a chest pont ognidun di nô al sielzeve cemût doprâle... che desene di minûts. 
O prin o dopo cui di noaltris che al veve la cussience sporcje a si fermave in classe par ripassâ chel che nol veve cuissà ce ben digjerît, ma il plui de mularie a “frecuentave” chei larcs coridôrs lusints di cere dilunc sù des aulis. 
Jo no vivevi intun paîs, ma intun cjasâl isolât e par mê no esisteve vite sociâl, mai savût ce che e jere, cussì o jemplavi i miei voi e il gno cûr di tantis musis, di dutis lis musis che o incrosavi, domandantmi cidinementri cuâi che e jerin i lôr amis , ce che i plaseve, la lôr realtât dal vivi di ogni dì, indulà che e levin di domenie, mi inçjocavi di intervistis mai fates! 
O cjalavi ancje i professôrs di dutis lis sezions, no dome chei da la mê sezion. Ju cjalavi umign e feminis, cemût che a jerin vistûts, la cartele cul regjistri di classe, cui la veve di une fate, cui di une atre i ocjai cu la montadure penze e scure che passe cuarante agns dopo si torne a viodiju su lis musis de zoventût di cumò e a mi mi parin tant di vecjo... 
Al jere un prof che mi intrigave e mi faseve fâ mil pinsîrs: simpri bessôl, la cartele maron clâr, i ocjai une vore pençs, no biei lineaments, no fins par capîsi, vistût sul classic ma cun alc di sportîf (lis piecis tarondis intes maniis de gjachete) e la ment une vore lontan di chel coridôr, di chê sdrumarie di frutats e frutatis. Nol è biel chel che o pensavi, o varès di vergognâmi a scrivilu, ma o sarai sincire fin in font: mi domandevi cemût che une femine e vedi podût inamorâsi di lui. Tancj agns e son passât, lui, il prof no biel, al è jentrât inte mê vite di femine e letorie e chel che al à scrit mi a fat vaî, comovi... si pues parfin dî che mi a fat inamorâ di lui e al è stât un moment, cuant che al è muart, che mi sarès plasût scrivi a la sô femine che di un om cussì al è orgoi jessi inamoradis, par vie che lis sôs peraulis a ti fasin sumiâ tanche intune flabe... 
Nol è il jessi biel che al conte tra om e femine ma chel che il cûr di un al sa a contâ al cûr di chel altri e al cûr di ducj chei che a lein un libri di... Carlo Sgorlon

di Barbara Battel

11 coments:

Gjovane ha detto...

Barbara, ce ben che tu scrivis! Jo o ai vût une coleghe di San Zorz che a veve vût Sgorlon come insegnânt. Ben, insome, a contave che lui, in classe, al diseve simpri chi li feminis a varessis vût di là a fâ le cjalze. Cussì, ogni volte che leievi un siò libri, a mi masanave tal cjâf chiste robe.

Barbara ha detto...

par fortune che no lu 'nd ài vût jo, alore! Il gno maraveôs prof al è stât Ciro Nigris e o soi stade plui che onorade di vêlu cognossût cun dut chêl che mi e nus à lassât di culture, valôrs, esempli. Graciis Gjovane!

Gjovane ha detto...

Barbara, e pur jo soi afezionade a "La carrozza di rame" parcè a si cjacare di Valentina, il nom di me mari. "La Contrada" dolà ca è une femine cun d'un neo, cussì come che lu ai jo e ta li mes fantasîs ai vût pensât che se il libri a lu vessin fat deventà un film, jo podevi fâ le part (ce monadis, vere?) E dopo "Il caldèras". Un amì di Durlasse, scritôr, a mi à contât che le so famee e à chiste divignince.
Mi soi ancje pensade che Sgorlon lu ai viudût cu le femine in Sale Ajace, prins agns '90. In che ocasion al ere vignût a Udin Spadolini... e lì pensavi ancje jo cemût che une femine...

Giovanni Nello Malisano ha detto...

Graciis Barbara che tu ûs âs fat ricuardâ il nestri Sgrolon. Lis feminis tai siei romançs e son simpri animis che a scjampin vie. Forsit cun lôr al veve alc di curiôs. Ma les à simpri tratadis ben.

Pauli Jacus ha detto...

Barbara, jo no ai ducj chescj biei ricuarts dai professôrs di scuele. Ti fâs une liste:
Une professore di francês (Napoletane) e veve une pronunzie diu nus vuardi.
Un professôr di matematiche (Sicilian) al tabaiave dispès di mandarins e narançs.
Un professôr di Agrarie (di Porpêt) nus faseve fâ ancje poesiis.
Une professore di Talian e di Gjeografie (Puliese) no si capive ben cuant che e tabaiave.
Un professôr di dissen (Furlan) al veve simpri il cjâf intai nui.
Un professôr di gjinastiche (Talian) al tirave a fenoli.
Un altri professôr di matematiche (Sicilian) al diseve cuaccio (4), e noaltris une dì i vin fat cjatâ su la lavagne:
Cuaccio + cuaccio = occio, occio + occio = 2 occi, al si è inrabiât di no crodi.
Juste l'insegnant di religjon (predi) la contave juste.
Cualchidun dai professôrs si salvave, ma no ducj.
Mandi

Anonimo ha detto...

Barbara, Gjovane mi vês fât vignî iniment Elio, biel om fradi di Carlo, pui zovin di lui di cualchi an. Poben a vin studiât insiemi al Malignani (chel di une volte in vie Ciconi), daspò a sin cjatâts a fâ i soldâts a Lecce e a Rome, ma a no je finide chi parcè che sin stâts cjolts de Olivetti a Ivree là ch'o vin passâts un par di agns insiemi. A jerin i timps dal saç "Kafka narratore" e Carlo a i mandave a Elio i stampons par ch'a ju leiès.. Elio al è vignût fin tal ultin, prin di lassânus ancjemò zovin, ai raduns di ex ch'al inmanee aromai ogn'an Gigi Blarzino a Buri. Al è cuasi simpri presint ancje il mitic prof. Trangoni, clamât Weber, che al à aromai plui di novante...perdonàimi chescj ricuarts..nostalgjiis di un indenant cui agns... Bepi

Barbara ha detto...

graciis Bepi di contanus i tiei ricuarts...cuant che cualchidun mi dâ une sclese di sè o soi braurose (intal gno piçul)di chêl ch'o scrîf. O cjati biel chest viers de ostarie dal pont di viste de umanitât che i ricuarts e gjavin fûr dal nestri jessi, dal nestri vivi. Graciis ancjemò a ducj

VitoDP ha detto...

No savevi che Sgorlon al veve insegnât a San Zorz, mi plasares lei di qualchidun che lu a vût come profesòr, lui mi a compagnàt cui sie scritz tal biel miez da me vite.
Tu mi lassis simpri maraveade pa le to memorie e pal to maniere di scrivi par furlan.

Gjovane ha detto...

Vito, le coleghe du San Zorz a veve studiât a Udin, al Zanon.

Barbara ha detto...

Pauli o soi displasude di cetante disfortune che ti 'nd à corût daûr cu la geografie dai tiei professôrs, ma mi ven pe ment di fâti pensà che se lôr non ti 'nd àn dât chêl che al jere just, par come che ti cognos jo, o soi sigure che figuris impuartantis (in famee) inte tô vite ti àn dât insegnaments e esperiencis mil voltis miôr di professôrs no cualificâts par insegnâ (forsit a li dome pal benedet 27 dal mês). Jo o amiri l'om che al è vignût su cui valôrs e insegnaments de tradizion di famee.

sergio ha detto...

Graciis Barbara di cheste conte vivude, lis contis in furlan an simpri un alc di particolâr...di "fogolâr" o dîs io. O ai let dome un libri di Sgorlon "Prime di sere" e al mi veve plasût cussì tant che lu ai let in doi dîs. Graciis ancjemò e compliments.

Sergio Vicenzino

No sai se o ai scrit ben par furlan, in tal câs scusait

O varès alc di dî

Ti sêstu visât di firmâti? :)