mercoledì 26 aprile 2017

Cain e Abêl

Cain, fin di frut, nol veve mai sopuartât di vê un fradi. A pene nassût Abêl al jere zelôs di lui e plui voltis al veve pensât di scjafoiâlu. Viodint che sô mari e figotave di plui Abêl che lui, al cirive di fâi dispiets plui che al podeve. Cuant che Eve e jere fûr di cjase, Cain nol mancjave ocasion par tirâi lis oreglutis o dai picjadis fin a fâlu vaî. Eve, cun l'om no jere plui tant in buinis par vie che dopo de storie dal sarpint e dal miluç, a Adam i tocjave lavorâ come un mus par meti dongje il gustâ cun la cene, cussì lui nol voleve plui savênt di jê. Par chest Eve e jere une vore tacade al piçul e i dave dut l'afiet che e varès volût de bande di Adam. Cussì i doi fradis a vegnin sù in cheste famee mal cumbinade. Abêl, di caratar dolç e ubidient, al jere dut l'incontrari di Cain, che al jere simpri trist e rabiôs e nol mancjave mai di dâ la colpe a so fradi, des malefatis che al cumbinave lui. Adam, simpri a vore pe campagne, cuant che a sere al tornave dongje, strac, nol veve voie di fotis e al lassave che cui fîs sa la distrigàsEve.
Cain, deventât om, nol veve mai smetût di odeâ so fradi e al spietave simpri la ocasion juste par gjavâlu des spesis. Une biele dì, profitant dal fat che i gjenitôrs a jerin intai cjamps, cuntune scuse al invide Abêl a lâ cun lui e chel, cence suspietâ nuie al va. Rivâts intal bosc, Cain, a pene che Abêl al è voltât, ai da cun la sape sul cjâf e lu cope. Tornât dongje, Cain, fasint fente di jessi une vore displasût, al conte ai gjenitôrs che intal bosc al jere saltât fûr un ors e cuntune çatade al veve copât Abêl e lui al jere rivât a scjampâ par miracul. Eve, robis che e deventi mate pal dolôr, ma i tocje rassegnâsi e e reste cun chel fi malegraciôs e cun l'om che intal jet no la tocje nancje cuntun dêt. Une dì i ven un pinsîr intal cjâf: “Ce aio di vê fat di mâl par vê dutis chestis disgraciis?”, “Che al centri il miluç?”.

di …

7 coments:

Anonimo ha detto...

Une biele conte, sepur cul muart,ma dopo no rivi capi cun cui Cain si è incrosat par garanti le rasse fin ai nestris dis, l'incest??? Lussian

Pauli Jacus ha detto...

Lussian, la Bibie no lu dîs, ma no nus dîs un grum di altris robis. Si tu sês crodint i tu âs di fidâti e vonde. Jo no mi fidi masse di ce che nus àn contât; viôt tu a cui crodi.
La conte dut câs e sta in pîs e di sigûr cui che le à scrite al devi jessi stât di cjase, par savê ducj i peçots su Eve e Adam.
Mandi

Barbara ha detto...

...libar voltament in clâf moderne di alc...che nus àn contât di piçui, ma che o fasevin fature a capî il parcè e il parcò...Cussi metude la conte (e la storie) a nus samee un grum plui dongje dal pussibil...Çatute e fantasie e je di om scritôr ancje se al fevele dal dûl che i fâs la puare Eve cuntun Adam che no la calcole e un Cain che no i a le conte juste...

Anonimo ha detto...

Po stai, Lussian... lâ ator cence cotulis al è un riscjo ancje tal paradis terestri..Bepi

Anonimo ha detto...

Pauli ditu che la version sedi sierade intal armar dal misteri?mi sa che le vie plui juste e je che dite dal Bepi,ancje parce intal paradis terestri al tirave simpri aiar a sacoda lis fueis mitint in lus il sot lor.Cui la fate cheste conte no sai, che no vegni fur da pene e calamar di Nelo? lui ai ten a chestes postures,mah.Lussian

Giovanni Nello Malisano ha detto...
Questo commento è stato eliminato dall'autore.
Giovanni Nello Malisano ha detto...

Ce che o ai scrit parsore al jere riferît a un altre conte. Domandi scuse. Mancul mal che sin simpri in teme di Bibie ancje se cheste volte no si trate di eresie, ma di une biele conte che nus fas rivivi la cjativerie di Cain. Cui sa se l'autôr (Pauli) al interprete la zelosie di Cain tai confronts di so fradi par l'amôr che somari a veve par lui come la colpe dal delit. Sarès une gnove forme di spiegâ il complès di Edipo? I fiis che si contindevin la mari di front a un pari dome bon di lavorâ. Cui sa se ancje lui al jere furlan.?

O varès alc di dî

Ti sêstu visât di firmâti? :)