venerdì 11 agosto 2017

La biele puaretât


Vessio di meti adun un profum o sai za il non che i darès: lu clamarès “la biele puaretât”. O tirarès fûr de mê anime un tic di strie, un fruçon di benandante, un blec di sium e dute la part di frute che e polse, ma che e vîf dentri di me. In bande di me mi plasarès vê un “nâs” che mi scoltàs, che mi fos dongje ancje cul cûr, miôr di dut al sarès se e fos une amie. Slusoradis di imagjins, di colôrs, slambris di profums e nasebon. Sot dal puarti di cjase il profum di gjeranis, scloponuts, garofui metûts a cressi, di piçulis pividis incà, intes vasulis di late che a vevin vût dentri la zardiniere. 
La blancjarie e nulive di savon “Sole” poiade a suiâ tal soreli parsore dai garofolârs di rose di bosc, nulôr di net e di fresc insiemi cu la gjonde pai voi dai colôrs di vistîts e di rosis. Talpassâ une lacjade di camamile salvadie, sot sere, e incjocâsi cu la fragrance che a ‘nt vignive sù. Ancje il profum dal fen al instupidive e cu la curiositât di fruts si cerçavin fueis e rosis di tantis cualitâts: fintremai i pics des rosis a deventavin gjonde in bocje cun chel garbit miscliçât al dolç. Intai povolêts, jenfri lis lacjadis, a cimiavin trisculis, une vore piçulis, ma cuntun nasebon cence fin e nissune dibisugne di zucar, nancje di limon, aghegole a sbreghe e brût di “gjugjulis” garantît! 
La mignestre di fasûi no mi mandave in paradîs cul so nasebon a ledrôs, ma la cene, ancje se fate dome di lat e polente rustide, chê sì che e jere dute une altre musiche! Al jere dolç ancje il rustiç che al vignive fûr dai cerclis de lastre in bore cuant che il lat al sbrissave fûr, lant parsore dal cit (cuasi simpri!). 
Il nasebon in cusine di mangjâs al nulive dome intai dîs di fieste, in chei Nadâi dulà che par dut un an si insumiavisi dal ricuart dolç di un paneton e, cuntun tic bocon di fortune, ancje dal pandoro! Une frute, russite di cjavei e cu la musute plene di pivicjis, e jere parsore dal arzin dal Cuar, i voi e il cûr plens di malinconie a cjalâ la barcje che si slontanave di Noiâr dilunc su viers la bocje dal flum... 
L’aiar i puartave l’odôr di solitudin e par jê al jere chel di tabac dal spagnolet che il marinâr sul puint dal barcjon al jere daûr a piâsi, la man a parâ la flame che no si distudedi. La frute e nase chel odôr di fum, di spagnolet e e sint che al è chel istès de sô solitudin: suntune barcje o in cjase nol mude nuie... Un segn lizêr cu la man a saludâ e dôs solitudinis si ricognossin, slontanantsi. 
Tancj lunaris daspò mi àn insegnât che chel insiemi di profums, nasebon, colôrs, emozions e altri ancjemò, il plui de int lu clame puaretât, ma par me, cumò none Barbara, al à non ricjece e dulçôr. Par me al è un mont che al regale gjonde, cui ricuarts di agns che no tornaran mai plui indaûr, ma nus fasaran simpri compagnie inte anime...
di Barbara Battel

6 coments:

Anonimo ha detto...

Biei ricuarts di vite tirats fur dal armar dal timp, cuntune maraveose divine cure par poiaiu su ciarte a gracea i voi e le anime di cui cal è passat parsore.Barbara no tu finisis mai di maravea. Lussian

Galliano ha detto...

Cjare Barbara,

Dome une anime sensibile come la tô e podeve descrivi chei moments vivuts cun tante intensitât di rindiju visibii e tangjibii al dì di vuê, graciis.

Anonimo ha detto...

Biele cjatade Barbara che di sveâ i ricuarts nulintju cul nas. Mi è vignût iniment a colp il nasebon dal zuf ('suf?) di coce cul lat ch'o mangjavi a gulizion d'Invier...

sergio ha detto...

Biel leiti e sintì dentri formasi odôrs e savôrs mai dismenteâts, ognidun al à la sò esperience di vite, ma odôrs e savôrs si podin spartì a plen cence sgarà. Mandi Barbara

Anonimo ha detto...

Barbara, soi jo chel dal zuf ('suf) .. Bepi

Barbara ha detto...

Graciis a ducj pai vuestris preseaments. Par me nol è compliment plui biel dal sintì che i miei ricuarts a dismovin chêi di cui che mi lei

O varès alc di dî

Ti sêstu visât di firmâti? :)